ott 292014
 

logo cisl scuola palermo trapani

La Cisl Scuola Palermo Trapani in occasione del dibattito organizzato dall’Ufficio Scolastico Provinciale di Trapani nel quadro delle iniziative volte alla diffusione ed alla consultazione del rapporto “la Buona Scuola” tenutosi presso l’Aula Magna del IV Circolo Didattico “G. Marconi” di Trapani ha redatto un documento di sintesi con il quale intende formalizzare le proprie valutazioni sul rapporto “La buona scuola – facciamo crescere il Paese”.

Con la redazione del presente documento la Cisl Scuola Palermo Trapani intende formalizzare le proprie valutazioni sul rapporto La buona scuola facciamo crescere il Paese con riguardo:

  1.  alla posizione di Organizzazione;
  2. al riscontro fatto dal personale scolastico in sede di assemblee sindacali svolte nel territorio.

Per quanto concerne il primo punto la scrivente segreteria ritiene preliminarmente di fare esplicito e puntuale riferimento ai documenti ufficiali che la Cisl Scuola e la Cisl nazionali hanno prodotto in merito, sia riguardo alle più generali valutazioni politiche e culturali, sia rispetto agli aspetti specifici ed alle tante questioni tecno-professionali.

A seguire intende inoltre richiamare il recente documento della Cisl Scuola Sicilia (presentato alla ministra Giannini in occasione dell’incontro promosso dall’USR Sicilia svoltosi al Liceo delle Scienze Umane “Regina Margherita” di Palermo) in quanto patrimonio di riflessione, corale e condivisa, da tutto il gruppo dirigente regionale. In particolare, e rispetto a quest’ultimo, si vuole anche in questa circostanza ribadire che alla corposità del rapporto presentato dal Governo non corrisponde una impostazione di organicità  (adeguata coordinazione e strutturazione del complesso) laddove prevale invece quella del funzionalismo (valutazione/risoluzione immediata di problemi contingenti), con la conseguenza che restano elusi ed inespressi fondamentali riferimenti alla visione generale della scuola (come istituzione e come sistema) ed al suo rapporto con la società.

Con riguardo al secondo punto la segreteria, precisando che le assemblee sindacali sono state svolte di norma su ambiti comunali e per tutti i profili professionali, ritiene di sintetizzare (in una logica di “ambito”) il dibattito ed il confronto che si è sviluppato sui seguenti aspetti (atteso che sono risultati più presenti all’attenzione e all’interesse del personale scolastico):

-        formazione e carriere: pur non assumendo atteggiamenti di rifiuto aprioristico alla modificazione della situazione attuale sono forti le perplessità in ordine alla valutazione (cosa si valuta, chi lo fa, come si procede) mentre esplicito è il dissenso alla sostituzione integrale degli scatti di anzianità con gli scatti di competenza preferendosi – in ogni caso – un sistema misto che contemperi in modo equilibrato entrambe le voci;

-        organico funzionale: vengono  manifestate non poche perplessità in ordine alla corrispondenza, adeguata alle reali necessità quanti-qualitative della scuola, della dotazione organica aggiuntiva ed alla conseguente possibilità di sopprimere il ricorso alle supplenze;

-        gestione democratica della scuola: viene affermato in modo netto e determinato che la condivisione di un sistema più snello ed efficiente dell’attuale non può tradursi in un aumento incontrollato del potere al dirigente scolastico ed in una riduzione della presenza e del ruolo del personale (docente e ATA) negli organismi di gestione della scuola;

-        alternanza scuola lavoro: la positiva considerazione di un potenziamento della cultura del lavoro negli aspetti pedagogici e in quelli del maggior raccordo tra la scuola e il mondo produttivo, resta limitata dalla concreta possibilità che ha un territorio come il nostro (che offre poche opportunità per l’offerta qualificata di stage formativi) e dal fatto che la scuola secondaria resti coinvolta limitatamente ai tecnici e professionali.

I punti sopra riportati, ancorché naturalmente trattati sulla scorta delle sensibilità individuali, sono risultati particolarmente presenti alle considerazioni di tutti gli intervenuti. Sono state altrettanto presenti, precisi e preliminari, i richiami all’assenza totale di riferimenti sul personale ATA da parte del rapporto governativo.

Un riferimento ulteriore sul rapporto lo possiamo riportare anche dal versante degli utenti in quanto abbiamo avuto la possibilità di partecipare ad una affollata e qualificata assemblea di studenti secondari. I giovani esprimono forti preoccupazioni sulla qualità complessiva della didattica atteso che riscontrano una reale mancanza di investimenti per la qualificazione e l’ampliamento dell’offerta formativa (sostegno, sperimentazione, ecc), e sulla prospettiva non adeguatamente sconfessata di una strisciante “privatizzazione” del servizio statale.

A conclusione non possiamo tacere le preoccupazioni che tutti – ed in tutte le circostanze – hanno espresso in ordine ai comportamenti tenuti dal Governo nell’insistenza a sottrarsi al confronto con le OO.SS. disconoscendo (o facendo finta) che il sindacato e’ espressione della pluralità della categoria ed in quanto tale in grado di fare sintesi tra problemi e istanze diverse, coniugare l’ interesse di parte con quello generale, rapportarsi responsabilmente alle pressanti difficoltà della crisi perdurante.

  TRAPANI 28/10/2014                                                IL SEGRETARIO GENERALE

                                                                                                  Francesca Bellia

ott 292014
 

miur palazzoA seguito della richiesta unitaria inviata il 7 ottobre scorso si è svolto oggi, 28 ottobre, un incontro al MIUR per affrontare alcune problematiche retributive oggetto di contenziosi e difformità applicative da parte delle Ragionerie territoriali.
Di seguito una sintesi degli argomenti trattati, rispetto ai quali tutte le OOSS hanno chiesto all’amministrazione l’emanazione di chiarimenti e indicazioni operative che assicurino omogeneità di trattamento e la corretta applicazione delle disposizioni vigenti e delle previsioni contrattuali.

Retribuzione delle ore eccedenti prestate in classi collaterali
Abbiamo rappresentato all’Amministrazione le posizioni assunte da alcune Ragionerie territoriali, in particolare della Campania e della Lombardia, che hanno assimilato le ore eccedenti prestate su classi collaterali, sia da docenti di ruolo che da supplenti annuali, alle supplenze attribuite sugli spezzoni in organico di fatto, autorizzandone conseguentemente la retribuzione fino al 30 giugno anziché fino al 31 agosto. Al riguardo, abbiamo sottolineato che le disposizioni vigenti prevedono chiaramente in tali casi la retribuzione fino al termine dell’anno scolastico (31 agosto) e abbiamo chiesto un’urgente verifica con il MEF.

Docenti di scuola secondaria: riconoscimento dei servizi prestati nel ruolo della scuola materna
Nonostante la sentenza della Corte di Cassazione del 2013, favorevole al riconoscimento ai docenti della scuola secondaria, ai fini della carriera, dei servizi prestati in qualità di docente di ruolo nella scuola materna, a tutt’oggi non sono state fornite chiare indicazioni in linea con la sentenza nei casi di passaggio alla scuola secondaria e non sono state adeguate le procedure informatizzate. Abbiamo evidenziato come su questa materia, su cui siamo già più volte intervenuti presso il MIUR, l’Amministrazione risulti soccombente nei contenziosi attivati dagli interessati, con inutile aggravio di spesa.

Riconoscimento ai fini della carriera dei servizi pre-ruolo prestati fino al 2008 nelle scuole materne comunali e elementari parificate
Abbiamo chiesto l’emanazione di indicazioni con cui, nel rispetto delle disposizioni vigenti, si affermi il diritto al riconoscimento ai fini della carriera per questi servizi, evidenziando anche in questo caso l’aggravio di spesa che deriva dai contenziosi vincenti attivati da parte degli interessati.

Applicazione dell’art. 59 del CCNL per assunzione su posti vacanti con supplenza “fino all’avente diritto”
Nonostante le chiare indicazioni del MIUR, alcune Ragionerie respingono i contratti di supplenza del personale ATA di ruolo su posti vacanti stipulati (ex lege 449/97, art. 40) “fino all’avente diritto” in applicazione dell’art. 59 del CCNL. L’Amministrazione si è impegnata a intervenire nei casi segnalati.

Retribuzione estiva dei docenti supplenti annuali
Alcune Ragionerie hanno condizionato la retribuzione estiva dei supplenti annuali alla prestazione di 180 giorni di servizio. Abbiamo chiesto un intervento urgente affinché sia rispristinata la corretta applicazione delle disposizioni contrattuali. L’Amministrazione si è riservata una riflessione e un approfondimento delle questioni rappresentate, che rendono necessaria una interlocuzione con il MEF.

L’incontro è stato aggiornato ad altra data che l’Amministrazione si è riservata di comunicare quanto prima.

ott 292014
 

RSUSi voterà dal 3 al 5 marzo 2015 in tutte le scuole per il rinnovo delle RSU. Negli stessi giorni saranno interessati al voto tutti i settori del lavoro pubblico. Un grande appuntamento di democrazia che basterebbe da solo a fare giustizia di qualche infelice battuta sulla rappresentatività del sindacato.

Al nostro premier vorremmo ricordare che nel 2012 partecipò al voto l’80% del personale scolastico, che si espresse a larghissima maggioranza di consensi (oltre il 70%) per le organizzazioni confederali. Le stesse organizzazioni che ieri sono state invitate a “farsi eleggere” (da chi eletto non è) per avere il diritto di trattare.

Le elezioni RSU sono un evento di grande significato e valore, un’occasione preziosa che il sindacato ha di rinsaldare la sua presenza diffusa e capillare sui luoghi di lavoro; ma è soprattutto la disponibilità di tanti lavoratori ad assumere direttamente ruoli di rappresentanza e di contrattazione a farne un momento di democrazia autentica e partecipata.

La campagna per il rinnovo delle RSU si avvia mentre è in atto una mobilitazione della categoria che rivendica la giusta attenzione da parte di una politica prodiga di parole e avara di fatti. Investire su scuola e formazione, valorizzare il lavoro del personale docente, ata e dirigente sono esigenze alle quali da troppo tempo non si dà risposta. All’aggravio dei carichi di lavoro fa riscontro il congelamento delle retribuzioni e in qualche caso (personale ata e dirigenti) la loro decurtazione. L’ipotesi contenuta nel disegno di legge di stabilità, di rinnovare i contratti per la sola parte normativa, suona per questo come una vera e propria provocazione.

Vogliamo un rinnovo contrattuale vero, che affronti e risolva da subito un’emergenza retributiva non più rinviabile, dando nel contempo alle scuole le risorse indispensabili a sostenere un’offerta formativa efficace e di qualità, anche attraverso la contrattazione d’istituto che resta per noi un fattore decisivo per “incrementare l’efficacia e l’efficienza del servizio”, esplicitamente richiamati nel nostro contratto come obiettivi delle relazioni sindacali.

Per una valorizzazione del lavoro nella scuola, e nell’intero settore pubblico, attraverso una politica mirata di investimento e il rilancio della contrattazione, saremo in piazza l’8 novembre, a Roma; il primo atto di una mobilitazione che sollecita da parte del governo attenzione e disponibilità a un confronto vero.

Roma, 28 ottobre 2014

Francesco Scrima, segretario generale Cisl Scuola

set 202014
 

Prime note di commento della Cisl Scuola alle linee guida del governo per gli interventi sul sistema scolastico. Dossier linee guida

set 052014
 

Pubblicato l’elenco dei  posti disponibili per gli Incarichi a tempo determinato del personale ATA, profilo assistente tecnico per la convocazione del 08/09/2014. Elenco posti disponibili

set 052014
 

Pubblicato con Decreto Assessoriale n. 39 del 04.09.2014 il  Calendario scolastico 2014/2015. Calendario scolastico 2014/2015  

lug 022014
 

Sono stati prorogati al 3 luglio i termini di comunicazione delle domande e dei posti del II grado e al 23 luglio la pubblicazione dei movimenti.

giu 272014
 

Si è discusso di futuro all’Assemblea Nazionale della Cisl Scuola tenuta a Chianciano. I lavori, aperti  dalla relazione del segretario generale Francesco Scrima sulla situazione politico sindacale, e proseguiti con una comunicazione della [continua a leggere]

apr 172014
 

In occasione delle festività Pasquali, tutte le sedi territoriali della Cisl Scuola Palermo Trapani resteranno chiuse  dal   17 Aprile 2014  al 22 Aprile 2014.  

apr 072014
 

In occasione delle giornate di informazione – formazione Espero Day, gli uffici della Cisl Scuola Palermo Trapani,  sede territoriale di Palermo, resteranno chiusi nella giornata di Lunedì 7 Marzo 2014.

apr 052014
 

In merito alla  ”riqualificazione dell’insegnamento lingua straniera nella scuola primaria” pubblichiamo la riflessione di Ninni Bonacasa, già dirigente di :Cisl Scuola, che riteniamo precisa, puntuale e completa nell’evidenziare le contraddizioni [continua a leggere]

feb 202014
 

Le dimissioni del governo Letta, col quasi certo avvicendamento al Ministero dell’istruzione, relegano nel repertorio delle (buone?) intenzioni l’avvio di una fase costituente per la scuola, che l’on. Maria Chiara [continua a leggere]

feb 102014
 

Si comunica che L’USR Sicilia, di intesa con il Conservatorio di Palermo, sta procedendo all’attivazione dei percorsi abilitanti speciali relativamente alle seguenti classi di concorso: –    A077 Tutti i [continua a leggere]

gen 202014
 

L’Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia ha pubblicato in data odierna gli elenchi definitivi dei candidati aventi/non aventi i requisiti per l’accesso ai Percorsi Abilitanti Speciali (PAS) per la regione Sicilia. Con [continua a leggere]

gen 032014
 

  Si comunica che giorno 7 gennaio 2014 alle ore 15,30 presso l’Istituto Tecnico Industriale “Vittorio Emanuele III”  Via Duca della Verdura n. 48  -  Palermo, avrà luogo un’assemblea sindacale [continua a leggere]

dic 302013
 

Profonda commozione ha suscitato la morte, avvenuta ieri 27 dicembre  a Palermo, di Alessandra Siragusa, già parlamentare del Partito Democratico nella scorsa legislatura, nella quale aveva fatto parte della VII Commissione Cultura [continua a leggere]

dic 232013
 

Auguri di Buon Natale dalla Cisl Scuola Palermo Trapani  

nov 152013
 

La Cisl Sicilia aderisce allo sciopero di giorno 15 Novembre ma non partecipa alla manifestazioni che si terranno a livello locale. Si ricorda al personale della scuola che si potrà [continua a leggere]

ott 192013
 

L’Ufficio XV- Ambito territoriale per la provincia di Palermo ha pubblicato in data 18 Ottobre 2013 il calendario delle convocazioni per la stipula di contratti a tempo determinato per l’a.s. 2013/2014 [continua a leggere]

ott 122013
 

Le organizzazioni sindacali Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, con una lettera unitaria al Ministro  del Lavoro e delle Politiche Sociali, al  Ministro della Coesione Territoriale e ai Prefetti delle Province Siciliane, rappresentano  la [continua a leggere]

ago 302013
 

La Cisl Scuola, consapevole della crescente importanza dei nuovi canali comunicativi, mette a disposizione un nuovo strumento di informazione aperto a tutti coloro siano interessati a ricevere informazioni ed aggiornamenti [continua a leggere]