giu 102019
 

I sindacati Cisl Scuola, Flc Cgil, Uil Scuola Rua e Fgu/Snadir hanno incontrato oggi il responsabile del servizio nazionale per l’IRC della CEI, don Daniele Saottini, per un confronto sul tema del reclutamento dei docenti di religione cattolica.

Nell’incontro, fortemente auspicato da tutte le componenti, sono state esaminate e discusse possibili proposte di reclutamento che, in tempi certi e ravvicinati, possano veder riconosciuto in modo efficace il servizio d’insegnamento di religione svolto in questi anni.

Il fenomeno del precariato, anche per questo specifico settore, presenta elementi di complessità che debbono trovare adeguate soluzioni, tenendo conto dei vincoli normativi vigenti e considerando che dal 2004 non si è più bandito alcun concorso specifico per gli IRC.

Le Organizzazioni Sindacali e il rappresentante della CEI hanno convenuto sull’urgenza di una presa di posizione da parte del MIUR e del Governo in merito alla definizione di adeguate procedure di assunzione a tempo indeterminato per il personale docente di religione cattolica che, tenuto conto del confronto in atto in termini più generali in materia di reclutamento del personale precario della scuola, potrebbero prevedere anche percorsi di carattere “riservato“.

Le Organizzazioni Sindacali hanno in modo più specifico sottolineato come sia necessario e urgente sollecitare l’emanazione di un provvedimento normativo che preveda l’attivazione, nel corso dell’anno scolastico 2019/2020, di due specifiche procedure di reclutamento, una di carattere ordinario, l’altra di natura riservata rivolta al personale docente che abbia svolto almeno 36 mesi di insegnamento, prevedendo anche la possibilità dello scorrimento degli elenchi del concorso 2004 in quelle regioni in cui vige ancora la graduatoria di merito.

La proposta, da assumere con carattere d’urgenza, si pone in linea di coerenza rispetto alla proposta di attivazione, in discussione al tavolo tematico su reclutamento e precariato, di una “modalità transitoria” di abilitazione e assunzione che interessa una platea di oltre 50.000 docenti di 3ª fascia d’istituto.

Su quanto sopra, l’incontro di oggi ha fatto emergere valutazioni e intenti condivisi fra le Organizzazioni Sindacali e il rappresentante della CEI, che in tal senso si attiveranno per sollecitare il MIUR e il Governo ad assumere le iniziative necessarie sul piano legislativo per dare positiva risposta alle attese dei precari docenti di religione cattolica e in particolare di quelli con almeno 36 mesi di servizio.

Roma, 4 giugno 2019

apr 262019
 

gae-107126-660x368È stato approvato il Decreto Ministeriale n. 374 del 24 aprile 2019 di aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento e della prima fascia delle graduatorie di circolo e di istituto del personale docente ed educativo con validità per gli anni scolastici 2019/2020, 2020/2021 e 2021/2022.

Il personale docente ed educativo, inserito a pieno titolo o con riserva, nelle fasce I, II, III e aggiuntiva delle graduatorie ad esaurimento costituite in ogni provincia, può chiedere:

- la permanenza e/o l’aggiornamento del punteggio con cui è inserito in graduatoria;
- il reinserimento in graduatoria, con il recupero del punteggio maturato all’atto della cancellazione per non aver presentato domanda di permanenza e/o aggiornamento nei bienni/trienni precedenti;
- la conferma dell’iscrizione con riserva o lo scioglimento della stessa;
- il trasferimento da una provincia ad un’altra nella quale verrà collocato, per ciascuna delle graduatorie di inclusione, anche con riserva, nella corrispondente fascia di appartenenza con il punteggio spettante, eventualmente aggiornato a seguito di contestuale richiesta.
La domanda dovrà essere inviata – esclusivamente – con modalità telematica tramite Istanze online dal 26 aprile 2019 al 16 maggio 2019.

Le operazioni annuali di aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento osservano gli stessi termini.

Successivamente per la costituzione delle graduatorie di istituto di prima fascia sarà possibile effettuare la scelta delle sedi tramite POLIS nel periodo compreso tra il 15 luglio ed il 29 luglio 2019.
La consulenza si effettuerà nei giorni dispari presso i nostri uffici dalle ore 16.00 alle ore 19.00 a partire dal 29 Aprile.

File:


Portale miur GAE

apr 152019
 

Cari amici, come è noto, le Regioni Emilia Romagna, Lombardia e Veneto hanno, chiesto al Governo forme ulteriori e condizioni specifiche di autonomia in materia di istruzione e formazione.

L’obiettivo è quello di regionalizzare la scuola e l’intero sistema formativo tramite una vera e propria “secessione” delle Regioni più ricche, che porterà a un sistema scolastico con investimenti e qualità legati alla ricchezza del territorio. L’unitarietà culturale e politica del sistema di istruzione e ricerca è condizione irrinunciabile per garantire uguaglianza di opportunità alle nuove generazioni nell’accesso alla cultura, all’istruzione e alla formazione fino ai suoi più alti livelli. Per questo lanciamo il nostro appello ad un generale e forte impegno civile e culturale, affinché si fermi il pericoloso processo intrapreso e si avvii immediatamente una confronto con tutti i soggetti istituzionali e sociali.

ADERISCI!

#RestiamoUniti
In allegato vi inviamo un modulo per la raccolta firme da restitutire, debitamente compilato, alla segreteria provinciale, preferibilmente, a mezzo mail all’indirizzo :
perunascuolaunita@gmail.com

mar 292019
 

downloadIl MIUR ha pubblicato nel pomeriggio odierno nel proprio sito web il Decreto Dipartimentale n. 395 del 27.3.2019 con il quale l’Amministrazione trasmette l’elenco dei candidati che hanno superato la prova scritta (e sono, pertanto, ammessi a sostenere la prova orale) del corso-concorso nazionale per titoli ed esami finalizzato al reclutamento di dirigenti scolastici presso le istituzioni scolastiche statali, ex D.D.G. n. 1259 del 23.11.2017. Continue reading »

mar 222019
 

esamistato_2_06Nel corso di un incontro di informativa, il MIUR ha fornito oggi, 21 marzo, alcune indicazioni circa lo svolgimento del concorso per dirigenti scolastici. Terminata la correzione della prova scritta, il 25 e il 26 marzo si provvederà allo scioglimento dell’anonimato per tutti coloro che superato positivamente lo scritto. I risultati delle prove scritte saranno resi noti entro la fine del mese di marzo e tutti i partecipanti alle prove potranno prendere visione tramite Polis del proprio elaborato e della relativa griglia di correzione.  Continue reading »

mar 182019
 

concorso-dsga_1Sulla G.U. n. 21 del 15 marzo 2019 è stato pubblicato l’avviso di svolgimento della prova preselettiva del concorso a posti di DSGA.
Di seguito il testo dell’avviso.
Ai sensi e per gli effetti di quanto previsto dall’art. 12, comma 2, del D.D.G. n. 2015 del 20 dicembre 2018, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – 4ª Serie speciale «Concorsi ed esami» – n. 102 del 28 dicembre 2018, si comunica che la prova preselettiva del concorso pubblico, per esami e titoli, a duemilaquattro posti di direttore dei servizi generali ed amministrativi, si svolgera’ l’11, il 12 e il 13 giugno 2019.  Continue reading »

mar 132019
 

Il corso di preparazione alle prove di accesso al Tfa sostegno avrà inizio in data 13 marzo 2019 come da programma.
Le lezioni si terranno a Palermo presso i locali dell’Istituto Immacolata Concezione sito in Via Marchese di Villabianca al numero civico 99.
Si precisa che l’ingresso ai locali dovrà avvenire dall’entrata laterale e pertanto dalla Via Generale Streva ( di fronte stazione rifornimento carburante Esso come da cartina allegata).
La zona in cui è ubicata la struttura non presenta vincoli legati alla ZTL e pertanto è liberamente accessibile.
Si raccomanda la massima puntualità.

Il corso è riservato esclusivamente ai candidati già iscritti e non sono previste ulteriori inserimenti.
cartina-sede-incontrilocandina-corso-tfa-sostegno-12_03_2019

mar 062019
 

ministero-istruzione-15La CISL Scuola ha siglato nella giornata di oggi, 4 marzo, insieme a Flc CGIL, UIL Scuola Rua, SNALS Confsal e Anp un importante accordo con l’Amministrazione in tema di valutazione dei dirigenti scolastici. Secondo il testo sottoscritto dai Sindacati e dall’Amministrazione, anche per questo anno scolastico la valutazione dei dirigenti non avrà alcun effetto sulla retribuzione di risultato che, pertanto, rimarrà agganciata alle fasce. L’Accordo è però andato oltre, prevedendo che la compilazione del portfolio e la partecipazione alla valutazione sia rimessa alla scelta dei dirigenti stessi. I dirigenti potranno perciò autonomamente decidere se partecipare alla valutazione o non prendervi parte. Coloro che decideranno di non prendere parte alla procedura, non potranno in alcun modo essere destinatari di valutazione, né di prima né di seconda istanza.  Continue reading »

mar 062019
 

sciopero-12-marzoLa precarietà del lavoro continua a rappresentare nel mondo della scuola una vera e propria emergenza, alla quale non hanno posto alcun rimedio i ripetuti interventi legislativi in materia di reclutamento di cui si sono fatti promotori maggioranze e governi di differente segno politico negli ultimi vent’anni. Arrivano quasi a 150.000 i posti coperti quest’anno da insegnanti supplenti, e la situazione potrebbe farsi ancor più pesante l’anno prossimo, con i pensionamenti in più legati all’applicazione del meccanismo di quota 100. Ma il problema investe in modo rilevante anche l’area del personale ATA, dove peraltro le assunzioni in ruolo sono ogni anno limitate alla sola copertura del turn over. Continue reading »

feb 282019
 

safe_image“Per motivi che non comprendiamo, l’Università di Palermo che si occupa dei corsi per il conseguimento del TFA da parte dei docenti di sostegno, non ha previsto nemmeno un posto per la scuola secondaria di primo e nemmeno uno anche per il secondo grado. Questo vuol dire che coloro che vogliono partecipare al corso per il titolo, dovranno recarsi ad Enna, Catania o Messina. Continue reading »

feb 152019
 

a_45883c49cdI sindacati scuola e il mondo dell’associazionismo, con un appello diffuso oggi 15 febbraio, esprimono il loro più netto dissenso riguardo alla richiesta di ulteriori e particolari forme di autonomia in materia di istruzione avanzata dalle Regioni Veneto, Emilia Romagna e Lombardia, a cui sono seguite quelle di altre regioni. Si tratta di un’ipotesi che pregiudica la tenuta unitaria del sistema nazionale in un contesto nel quale già esistono forti squilibri fra aree territoriali e regionali. I diritti dello stato sociale, sanciti nella Costituzione in materia di sanità, istruzione, lavoro, ambiente, salute, assistenza vanno garantiti in maniera uniforme su tutto il territorio nazionale.  Continue reading »

feb 152019
 

bandiereunitarie2_23Le misure contenute nella Legge di Bilancio intervengono sul reclutamento del personale docente della scuola, introducendo non pochi elementi di novità che tuttavia non sono in grado di garantire un regolare avvio dell’anno scolastico.
Al fine di rimuovere alla radice una serie di criticità altrimenti destinate fatalmente a riproporsi, è indispensabile:

  • prevedere una fase transitoria finalizzata all’immissione in ruolo dei docenti già abilitati o con tre anni di servizio
  • consentire l’accesso alle procedure concorsuali per più classi di concorso
  • garantire l’istituzione di corsi di specializzazione su sostegno per tutti gli ordini di scuola in numero adeguato al fabbisogno Continue reading »
feb 142019
 

l_d762e4adf1È semplicemente inaudito. Mi chiedo in nome di quale popolo un governo che si definisce del popolo si appresti a manomettere il sistema nazionale d’istruzione, un percorso che va avanti da mesi alla chetichella, quasi di nascosto, come se si trattasse di una questione che si può risolvere solo con le regioni cosiddette interessate. Allora è il momento di dire che quando si stravolge un assetto i cui principi sono fissati dalla Costituzione a essere interessate sono tutte le Regioni, non solo quelle che rivendicano più autonomia, a essere interessato è l’intero Paese, che il governo del popolo ha deciso di tenere completamente ai margini, come rischia di avvenire per lo stesso Parlamento”.  Continue reading »