dic 202010
 

A seguito del parere favorevole espresso dagli organi di controllo (comunicato dalla Funzione Pubblica con nota prot. n. 54409 del 6.12.2010),  è stato sottoscritto – ieri, 15 dicembre, presso il MIUR – il Contratto Collettivo Nazionale Integrativo che attribuisce una “una tantum” di € 180,08 al personale ATA a tempo indeterminato e determinato in servizio nell’anno scolastico 2008/09.

Dopo un anno dalla definizione della specifica Ipotesi sarà finalmente possibile corrispondere ai lavoratori le economie rilevate su alcuni istituti contrattualii.

La Segreteria Nazionale

dic 202010
 

La firma conclude un periodo di intenso lavoro, in gran parte dedicato proprio ad un’accurata messa a punto, sulla scorta delle “situazioni di fatto” riscontrate lo scorso anno, dei criteri che regolano la mobilità d’ufficio. Criteri che vedono fra l’altro incrementare di un ulteriore anno (da sei a sette, che diventeranno otto l’anno prossimo) il periodo nel quale il trasferito d’ufficio è beneficiario di specifiche precedenze nelle operazioni.

Al perdente posto è assicurata, con questo contratto, la migliore delle garanzie: ottenere, con priorità rispetto a chi si trasferisce per sua volontà, il posto più vicino possibile a quello perso, mantenendo per quest’ultimo il diritto a rientrarvi con precedenza assoluta sia in fase di utilizzazioni che, per i sette anni successivi, nel corso dei trasferimenti.

Il mantenimento di una mera “titolarità senza posto” (così come proposto dalla UIL) è stata ritenuta da tutte le sigle firmatarie una soluzione non solo impraticabile (per l’ovvia indisponibilità della controparte), ma soprattutto controproducente per gli interessati, esposti al rischio di veder occupati per trasferimento a domanda posti eventualmente disponibili nelle immediate vicinanze di quello perso.

Quanto alla proposta di riconoscere una precedenza “tout court” ai soprannumerari nelle fasi I e II della mobilità a domanda, ci chiediamo se chi la avanza ha ben chiari gli effetti, abnormi e paradossali, che ne deriverebbero rispetto ad un sistema di regole in gran parte fondato – da sempre e con unanime consenso – sul riconoscimento dell’anzianità di servizio.

Non è per “un mix di pigrizia e di rigidità burocratica” che tali proposte sono state ritenute inaccettabili, oltre che dall’Amministrazione, da quattro sigle sindacali su cinque, ma esattamente per ragioni opposte: la convinzione che questioni complesse non possono essere affrontate in modo sbrigativo e superficiale, anche se ciò costa tempo e fatica; la consapevolezza che le soluzioni giuste non si disegnano frettolosamente sulla carta, ma vanno ancorate ad una approfondita conoscenza di quanto accade nel concreto vissuto della scuola e delle persone che ci lavorano, portatrici – tutte – di aspettative ed interessi che devono essere composti in modo attento ed equilibrato.

Quest’ultima è la ragione per cui il testo del contratto risulta, oltre che complesso, anche corposo: una circostanza liquidata con sorprendente faciloneria da chi dovrebbe, se non altro per la lunga frequentazione dei “tavoli negoziali”, essere di tutto questo almeno un poco consapevole.

La CISL Scuola ha firmato con convinzione questo contratto, frutto positivo di una trattativa in cui si è spesa con forte capacità di proposta e grande disponibilità all’ascolto e al confronto.

La CISL Scuola rispetta chi ha fatto una scelta diversa, ma non può consentirgli di mistificare la realtà al punto di addebitare al contratto, e non al pesante taglio degli organici, la responsabilità di una diffusa mobilità d’ufficio rispetto alla quale siamo convinti di poter offrire oggi, con il contratto, concrete tutele e non vuote parole.

744.28 KB


dic 202010
 

COME PUO’ L’ASSESSORE CENTORRINO DICHIARARE DI AVERE OTTENUTO LA COPERTURA DEL PROF 2011 SE LA GIUNTA DI GOVERNO HA PREVISTO LO STANZIAMENTO DI 120 MILIONI DI EURO A FRONTE DEI 242 IMPEGNATI NEL 2010 E A TUTT’OGGI NON ASSICURATI?

CONTESTIAMO LE DICHIARAZIONI E L’OPERATO DELL’ASSESSORE E CHIEDIAMO AL GOVERNO DI INTERVENIRE IMMEDIATAMENTE DICHIARANDO SENZA ULTERIORE INDUGIO QUAL’E’ LA VOLONTA’ DELLO STESSO IN ORDINE AGLI IMPEGNI ASSUNTI ORMAI DA TRE ANNI CON LE PARTI SOCIALI E REITERATAMENTE DISATTESI IN ORDINE ALLA NECESSITA’ DI PROCEDERE AL RIORDINO DI UN SISTEMA, QUELLO DELLA F.P., CHE CONTINUA AD ESSERE OSTAGGIO DI UNA POLITICA CHE TENTA ANCORA ADESSO DI USARLO PER FINALITA’ DI “CONSENSO” STRUMENTALIZZANDO IL DISAGIO DEI LAVORATORI

DA ANNI CHIEDIAMO AL GOVERNO

UN VERO RIORDINO CHE CONDUCA AD UN NUOVO SISTEMA DI F.P.  IN  GRADO DI ASSICURARE:

  • LA QUALITA’ DELL’OFFERTA FORMATIVA,
  • IL RISPETTO DI REGOLE UNIVOCHE PER TUTTI GLI ENTI E GLI OPERATORI
  • IL DEFINANZIAMENTO DEGLI ENTI DISSESTATI GARANTENDO ESCLUSIVAMENTE I LAVORATORI E IL SERVIZIO ALL’UTENZA
  • LA SALVAGUARDIA OCCUPAZIONALE E IL DIRITTO DEI LAVORATORI DI PERCEPIRE LA RETRIBUZIONE CON CADENZA MENSILE A FRONTE DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA OFFERTA CON L’ISTITUZIONE DI UN RUOLO AD ESAURIMENTO E UN CAPITOLO DI SPESA DEDICATO.
  • LA RIDUZIONE PROGRESSIVA DEL SISTEMA MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI ACCORDI SINDACALI CHE INTRODUCANO STRUMENTI DI ACCOMPAGNAMENTO  PER I LAVORATORI PROSSIMI AL PENSIONAMENTO
  • IL PASSAGGIO DALL’ATTUALE SISTEMA DI SOVVENZIONE IN FAVORE DEGLI ENTI DI F.P. A QUELLO DELLA CONVENZIONE, BLOCCANDO COSI’ LE POSSIBILITA’ DI NUOVE ASSUNZIONI CLIENTELARI

LE SCELTE SIN QUI OPERATE DALL’ASSESSORE VANNO IN OPPOSTA DIREZIONE:

LA COPERTURA DEL PROF 2011 CON APPENA  120 MILIONI DI EURO NEL BILANCIO REGIONALE E L’INTENTO DI UTILIZZARE I FONDI FSE PER LA RESTANTE PARTE SOGNIFICA, PER CHI OPERA NEL SISTEMA, AVERE LA CONSAPEVOLEZZA CHE:

  • COME PER IL 2010 APPENA CONCLUSO, ANCHE NEL 2011 LE RISORSE NON SARANNO SUFFICIENTI E I LAVORATORI VERRANNO PENALIZZATI NUOVAMENTE
  • ANCHE GLI ENTI SANI E CHE OPERANO NEL RISPETTO DELLE REGOLE NON POTRANNO GARANTIRE IL RISPETTO DEGLI OBBLIGHI VERSO IL PERSONALE DIPENDENTE E GLI ISTITUTI  PREVIDENZIALI
  • SI APRIRA’ UNA NUOVA STAGIONE DI PRECARIETA’ CHE PORTERA’ IL SISTEMA A DIPENDERE DALLA POLITICA NON PER MIGLIORARE LA PROPRIA CAPACITA’ DI RISPOSTA ALLE ESIGENZE DELLA COLLETTIVITA’ E RENDERE UN SERVIZIO PUBBLICO PIU’ EFFICACE MA PER SOPRAVVIVERE…
  • NON SARA’ POSSIBILE PASSARE DA UN SISTEMA DI “SOVVENZIONE”, COME DA ANNI NOI CHIEDIAMO AD UNO CHE PREVEDA LA “CONVENZIONE” TRA AMMINISTRAZIONE ED ENTI QUALIFICATI E RESPONSABILI POICHE’ L’UTILIZZO DEI FONDI COMUNITARI NECESSITA DEL BANDO AD EVIDENZA PUBBLICA
  • SARA’ AL CONTRARIO CONSENTITO, ATTRAVERSO LO STRUMENTO DEI BANDI PUBBLICI, COME GIA’ AVVENUTO CON GLI SPORTELLI MULTIFUNZIONALI, L’ACCESSO AL SISTEMA DI NUOVI ENTI ATTUATORI DILATANDO ULTERIORMENTE IL SISTEMA
  • NON SARA’ POSSIBILE FINANZIARE UN PIANO CON 2 MILIONI DI ORE DI FORMAZIONE, COME PREVISTO DALLE DIRETTIVE DI PROGRAMMAZIONE PROF 2011, CON APPENA 120 MILIONI DI EURO. SI RISCHIA SERIAMENTE IL BLOCCO DEL SISTEMA ANCHE PERCHE’ NON POTRA’ ESSERCI ALCUN AUTOMATICO PASSAGGIO ALL’FSE QUANDO SI ESAURIRANNO I FONDI REGIONALI
  • ANCHE LA COPERTURA DEI 181 PERCORSI TRIENNALI OIF  PRIME ANNUALITA’ CON SOLO 13 MILIONI DI EURO APPARE ASSOLUTAMENTE INSUFFICIENTE E INIBIRA’ A MIGLIAIA DI GIOVANI E ALLE LORO FAMIGLIA LA POSSIBILITA’ DI OPERARE UNA SCELTA TRA SCUOLA E FORMAZIONE PROFESSIONALE ORMAI DIVENUTA ORDINAMENTALE

PURTROPPO L’ASSESSORE DISPENSA SOLO PAROLE E NIENTE FATTI, COME TUTTI I SUOI PREDECESSORI, ANNUNCIA RIVOLUZIONI E RIFORME MA NON COSTRUISCE LE CONDIZIONI PER REALIZZARLE.

E IL GOVERNO NON SI ASSUME LE PROPRIE RESPONSABILITA’ PER FRONTEGGIARE LA SITUAZIONE

PROF, OIF E SPORTELLI MULTIFUNZIONALI SUI QUALI ULTIMI GRAVANO GIA’ 80 ESUBERI ACCERTATI DALL’AMMINISTRAZIONE REGIONALE CHE NON GARANTISCE L’APPLICAZIONE CORRETTA DEL PROTOCOLLO SOTTOSCRITTO CON LE PARTI SOCIALI IL 4 NOVEMBRE

LA CISL, LA UIL, E LO SNALS CONFSAL NON CI STANNO E DA LUNEDI’ 20 DICEMBRE SARANNO IN PIAZZA E NELLE STRADE, PRESIDIERANNO LE SEDI ISTITUZIONALI E FARANNO SENTIRE LA LORO VOCE PERCHE’ SIA CHIARO A TUTTI CHE I LAVORATORI VOGLIONO UN SISTEMA EFFICIENTE NEL QUALE SIA POSSIBILE VEDER GARANTITA LA LORO DIGNITA’ DI LAVORATORI E LO FARANNO AD OLTRANZA SINO A QUANDO IL GOVERNO NON SI ASSUMERA’ LE DOVUTE RESPONSABILITA’ E DARA’ LE RISPOSTE CHE IL SETTORE MERITA ED ATTENDE ORMAI DA TROPPO TEMPO

LUNEDI’ 20 DICEMBRE ORE 10 MANIFESTAZIONE A CATANIA. CONCENTRAMENTO A PIAZZA UNIVERSITA’

dic 122010
 


Ci trovate in:

Via Villa Heloise, 10
(angolo Viale della Libertà 175) – 90143 Palermo

Telephone: 091307173

Fax: 0916254305

 

 

{mosmap text=' Cisl Scuola Palermo '}

dic 112010
 


G.M. Computer s.a.s
e-mail: gmcomputer@virgilio.it

Sito web: www.gmcomputersas.it

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Siamo in tutta la Sicilia, ma gli uffici e laboratori sono:

Palermo:

Show Room e Uffici
Via Dante n° 31
90141 Palermo (PA)
Tel. 091.2514772 – Fax 091.2514772


Bagheria:

Uffici, Show Room
e Laboratorio Tecnico
Via Marco Polo n° 38, 40, 42
90011  Bagheria (PA)
Tel. 091.928004 – Fax 091.928114

ATA

dic 112010
 

Le suddette indicazioni erano state preannunciate con la

con la quale si invitavano gli Uffici periferici dell’Amministrazione a pubblicare tempestivamente le graduatorie provvisorie e definitive.

dic 112010
 

Contributi Professionali Docenti

dic 112010
 

L’utente prende atto ed accetta che l’indirizzo E-mail e tutte le altre informazioni fornite al momento della compilazione del  modulo per registrarsi sarà utilizzato ememorizzato a cura dell’associazione sindacale CISL SCUOLA PALERMO E FORMAZIONE in un apposito Data Base protetto in conformità e nel rispetto della normativa di cui alla legge n. 675/1996.
l’associazione sindacale CISL SCUOLA PALERMO E FORMAZIONE si impegna a mantenere queste informazioni come riservate e a non utilizzarli e/o rivelarli a terzi a nessun titolo, fatta salva l’ipotesi di espressa richiesta e/o ordine di esibizione delle autorità giudiziaria e amministrativa.
Fermo restando quanto sopra, e previa autorizzazione al trattamento dei dati, l’associazione sindacale CISL SCUOLA PALERMO E FORMAZIONE ha la facoltà di trasmettere detti dati a soggetti delegati e/o incaricati all’espletamento delle attività correlate alla erogazione del servizio per cui ci si iscrive e di diffonderli esclusivamente nell’ambito delle finalità cui è preordinato il servizio medesimo, previa sottoscrizione da parte di detti soggetti di un impegno alla riservatezza dei dati personali così ricevuti.

Ai sensi e per gli effetti dell’art. 10 della legge n. 675/1996 l’utente dichiara di essere informato in modo pieno ed esaustivo circa:
a) le finalità e le modalità dei trattamenti dei propri dati personali liberamente comunicati all’atto della compilazione del presente modulo;
b) la registrazione di tali dati su supporti elettronici protetti e trattati in via del tutto riservata l’associazione sindacale CISL SCUOLA PALERMO E FORMAZIONE  per le proprie finalità istituzionali e comunque connesse o strumentali alle proprie attività;
c) la natura obbligatoria o facoltativa del conferimento dei dati nonché le conseguenze in caso di rifiuto a rispondere;
d) l’ambito di diffusione e le categorie dei soggetti ai quali possono essere comunicati tali dati, solo previo consenso scritto;
e) la titolarità dei trattamenti;
f) i diritti di cui all’art. 13 della legge n. 675/1996 con particolare riguardo alla possibilità di accesso, integrazione, modificazione, cancellazione dei dati forniti o di opposizione in tutto o in parte al relativo utilizzo ai fini ivi specificati, anche avuto particolare riguardo alle finalità di informazioni come previsto al successivo punto 7.2, inoltrando specifica formale richiesta all’associazione sindacale CISL SCUOLA PALERMO E FORMAZIONE l’utente, con la sottoscrizione della presente informativa, rilascia il proprio consenso a trattare i propri dati personali per tutte le finalità imposte dagli obblighi legislativi proprio consenso a che i propri dati siano trattati per le finalità di informazioni commerciali o di invio di messaggi comunicazione commerciale interattiva da parte della dell’associazione sindacale CISL SCUOLA PALERMO E FORMAZIONE.

dic 112010
 

Cisl Scuola Palermo e Formazione

via villa Heloise, 10 (angolo via Libertà, 175) – 90143 Palermo

 

Tel.   091307173

Fax.   0916254305

 

segreteria@cislscuolapalermo.it

 

Orario Ricevimento – 2011

Lunedì – Mercoledì – Venerdì   /   dalle ore 16,00 alle ore 19,30

 

 

V. Cudia

3484093438

Segretario Generale

F. Bellia

3484093437

Componente di Segreteria

S. Brancato

3316764740

Componente di Segreteria

V. Cassata

3484093392

Responsabile dipartimento scuola dell’infanzia e primaria

M. Genovese

3346748191

Responsabile dipartimento ATA

V. Romano

3484093393

Componente di Staff per personale ATA

G. Montalto

3484093434

Pensioni e ricostruzioni carriera

F. Ristagno

Responsabile dipartimento Formazione Sindacale

R. Megna

Formazione professionale

 

CONSULENZA NELLE SEDI ZONALI

Partinico Corso dei Mille, 175 Martedì e Giovedì – 16,00/19,00
Termini Imerese via Garibaldi, 30 Giovedì – 16,00/19,00
dic 112010
 

Che cos’è la CISL SCUOLA

La CISL SCUOLA è un sindacato di categoria che aderisce alla Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori (Cisl). Si è costituita nel 1997 con il Congresso di Maratea (6-9 maggio), che ha sancito la confluenza dei due sindacati scuola della CISL, il Sinascel Cisl nato nel 1946 e il Sism Cisl nato nel 1964, in un unico grande sindacato. La CISL SCUOLA è, infatti, per consistenza numerica il primo sindacato della scuola con i suoi 211.246 iscritti che provengono da tutti i settori della scuola attiva.

La CISL SCUOLA organizza per libera adesione i lavoratori della scuola di ogni ordine e grado, statale e non statale, delle istituzioni educative e dei Centri, Enti e Agenzie di Formazione Professionale, privata, convenzionata e pubblica e dell’amministrazione centrale e periferica della pubblica amministrazione senza distinzione di opinioni politiche o di credo religioso.

Principi e scopi

Gli obiettivi che la CISL SCUOLA si propone sono l’unità  solidale dei lavoratori della scuola, nel rispetto fondamentale della persona umana, il loro pieno coinvolgimento nella gestione del processo formativo attraverso la partecipazione attiva alla vita e all’organizzazione della scuola; la formazione e l’aggiornamento continuo del personale docente finalizzati ad un miglior utilizzo delle risorse materiali ed umane tale da promuovere la crescita civile e culturale degli alunni; l’autonomia e la democrazia partecipata.

Per raggiungere questi obiettivi la CISL SCUOLA si impegna:

1. ad esercitare la tutela dei lavoratori della scuola, salvaguardando a tutti i livelli i loro diritti sindacali, civili e professionali; 2. a garantire e sviluppare le condizioni professionali, giuridiche ed economiche individuali e collettive dei suoi organizzati;
3. a promuovere e realizzare tutte le iniziative aventi per fine la elevazione culturale e professionale dei lavoratori delle istituzioni formative;
4. a rivendicare una costante e piena indipendenza da qualsiasi influenza esterna e l’assoluta autonomia di fronte ai governi e ai partiti;
5. a garantire, nella sua organizzazione, l’assoluto rispetto dei principi di libertà  e di democrazia e di non ammettere forme, individuali o di gruppo, di settarismo politico e ideologico;
6. a promuovere e perseguire una politica di pari opportunità  tra uomini e donne al fine di garantire una piena partecipazione alla vita democratica dell’organizzazione;
7. a realizzare per i propri iscritti e i loro familiari, nell’ambito degli indirizzi confederali, un sistema integrato e polivalente di servizi anche costituendo apposite strutture o enti;
8. ad esercitare una specifica tutela dei lavoratori delle scuole delle Regioni a statuto speciale e dei territori con presenza di minoranze linguistiche e delle scuole italiane all’estero.

 

Collocazione internazionale

A livello internazionale la CISL SCUOLA aderisce alla Internazionale dell’Educazione (I.E.), segretariato professionale internazionale dei sindacati del personale della scuola, associato alla CISL internazionale.
A livello europeo la CISL SCUOLA aderisce al Comitato Sindacale Europeo dell’Educazione (C.S.E.F.), Federazione Sindacale della Confederazione Europea dei Sindacati (CES).

SERVIZI AI SOCI

La politica dei servizi nella strategia della CISL rappresenta una risposta concreta del sindacato in una società  che genera, a differenza del passato, pluralità  di servizi offerti non più esclusivamente dallo Stato.

L’iscritto alla CISL SCUOLA ha diritto ad alcuni servizi offerti dalle Associazioni della Confederazione CISL.

 

Presso ogni sede della CISL e della CISL SCUOLA troverai le informazioni necessarie per l’utilizzo dei seguenti servizi offerti agli iscritti:

SICET
UNIONVITA
INAS CISL
ETSI
CENASCA
ADICONSUM

POLIZZE ASSICURATIVE GRATUITE AGLI ISCRITTI

Tutti gli iscritti alla CISL SCUOLA hanno diritto gratuitamente alle seguenti polizze assicurative

 

  • INFORTUNI IN SERVIZIO E IN ITINERE [Iscritti e RSU elette nella lista Cisl Scuola]
    (Chubb Insurance Company of Europe S.A. – Polizza n. 64794709])

Per gli iscritti alla Cisl Scuola, in caso di infortuni verificatisi durante l’orario di servizio, durante il percorso casa/lavoro e viceversa, durante i trasferimenti da una scuola all’altra per esigenze di servizio, durante lo svolgimento di visite guidate e gite scolastiche, semprechè autorizzate dal Consiglio d’Istituto o dal Dirigente.

Per i delegati sindacali aziendali o le Rsu elette nelle liste Cisl Scuola che subiscano infortuni durante la partecipazione alle iniziative sindacali istituzionali autorizzate, svolte al di fuori del luogo di lavoro, compreso il percorso a/r dalla sede di convocazione. Essi hanno diritto alla copertura assicurativa di una somma pro-capite di:

Euro 45.000,00 per invalidità permanente,

Euro 35.000,00 per caso morte.
Se l’infortunio ha come conseguenza una Invalidità  Permanente definitiva e totale, pari o superiore al 30%, anche se successiva alla scadenza del contratto e che comunque si verifichi entro due anni dal giorno nel quale l’infortunio è avvenuto, l’indennizzo viene corrisposto per intero. Viceversa, per i sinistri non rientranti nella suddetta franchigia non verrà  liquidato alcun importo.

In caso di sinistro È sufficiente inviare anche via fax il modello di denuncia reperibile presso ogni struttura territoriale entro e non oltre 30 giorni dalla data di accadimento del sinistro, insieme alla documentazione richiesta, ossia:

  • certificato medico,
  • fotocopia tessera Cisl Scuola,
  • indicazione del luogo-giorno-ora dell’evento,
  • descrizione dell’accaduto,
    dichiarazione del Dirigente (per l’iscritto) o Segretario Sindacale (per Rsu).

 

  • RICOVERO PER INFORTUNIO [Unipol]

Prevede per gli iscritti attivi alla CISL (età  compresa tra 15 e 65 anni), la garanzia in caso di ricovero a seguito di infortunio sul lavoro e nel tempo libero, 24 ore su 24 e in tutto il mondo, un’indennità  giornaliera di Euro 30,00 a partire dal 4° giorno del ricovero per un massimo di 30 giorni, Euro 50,00 per lunga degenza dal 31° al 60° giorno di ricovero.

 

  • RESPONSABILITA’ CIVILE RISCHI DIVERSI [Unipol Polizza n. 659/65/33748820]

Gli iscritti alla CISL, SCUOLA hanno diritto alla copertura per i seguenti massimali:
Euro 1.000.000,00 per sinistro, persona e cose per danni involontariamente cagionati a terzi per morte, lesioni personali e danneggiamenti a cose.

La garanzia comprende i danni subiti dagli alunni dei quali gli assicurati siano responsabili della vigilanza.

La garanzia si estende ai danni involontariamente cagionati a terzi a seguito di inottemperanza e/o violazione delle prescrizioni della Legge 626/94.
Inoltre la garanzia è estesa ai suddetti iscritti con particolare riferimento ai Dirigenti Scolastici e ai DSGA per i danni patrimoniali cagionati agli Istituti nonchè alla Pubblica Amministrazione fino alla concorrenza di Euro 129.114, per sinistro per anno e per persona assicurata.
Le garanzie vengono prestate con una franchigia fissa di Euro 750,00 per ogni sinistro. Sono a carico dell’UNIPOL le spese sostenute per resistere all’azione promossa contro l’Assicurato, entro il limite di un importo pari ad un quarto del massimale stabilito per il danno a cui si riferisce la domanda.
ln caso di sinistro chiamare il numero verde 800-993388. Un operatore provvederà  a comunicare il numero attribuito al sinistro.

 

dic 112010
 


Ritira la tua tessera comunicando il tuo cellulare via mail al seguente indirizzo


tesseramento@cislscuolapalermo.it


Sarai contattato per fissare un appuntamento.

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio