ago 312011
 

Finalmente in busta paga l’una tantum di 180,00 euro per il personale Ata a tempo indeterminato, supplente annuale o fino al termine delle attività didattiche in servizio nel 2008/2009.
Dopo una lunga corrispondenza tra Mef e Miur e dopo le numerose sollecitazioni della CISL Scuola sugli emolumenti di settembre 2011 si applica il disposto del ccni del 15 dicembre 2010.

 

ago 312011
 

L’avevamo per questo denunciata come inaccettabile e siamo quindi soddisfatti di vedere accolta la nostra richiesta di ritirarla. Restano, tuttavia, altri punti della manovra assolutamente da modificare e siamo mobilitati insieme a tutta la CISL per chiedere che le misure in corso di approvazione siano improntate a maggior equità e sostenibilità sociale.
Sul pubblico impiego e sulla scuola, in particolare, restano inaccettabili le disposizioni che mettono a rischio le “tredicesime”, quelle che ritardano di due anni il pagamento della buonuscita, l’abnorme “finestra” per chi lascia il servizio nella scuola, che può estendersi quasi fino a due anni dopo la maturazione dei requisiti.
Questi gli obiettivi su cui si concentra la nostra iniziativa, fatta anche di mobilitazioni mai fini a sé stesse ma mirate sempre ad ottenere precisi e concreti risultati. Un modo di “stare in campo” che ci fa essere interlocutori  più credibili e più forti di chi continua a proporre solo azioni di mera protesta, generiche e inconcludenti.
Di fronte ad una manovra che appare ancora lontana dal corrispondere a criteri di doverosa equità, si pone ancora una volta la scelta: limitarsi a gridare il proprio sdegno o tentare, per quanto possibile, di correggerne i contenuti.
Noi non abbiamo dubbi su quale sia la strada giusta per un sindacato interessato prima di tutto, e soprattutto, a tutelare i lavoratori che rappresenta e organizza in assoluta autonomia.

Roma, 31 agosto 2011

 

ago 302011
 

L’ipotesi di escludere dal computo dell’anzianità previdenziale i periodi riscattati è a dir poco sconcertante: si interviene su scelte già fatte, per le quali si sono pagati anche costi non indifferenti, sconvolgendo le attese di quanti vedono allungarsi i tempi di uscita dal lavoro.
Tale operazione si tradurrebbe per buona parte dei lavoratori pubblici e per moltissimi lavoratori della scuola in un’ennesima penalizzazione.
Di fronte a disposizioni la cui legittimità è peraltro assai dubbia, ci chiediamo quale sia la logica che le informa, se non quella di un perdurante attacco al lavoro pubblico, per il quale evidentemente non vale il richiamo ai diritti acquisiti, solennemente invocati per fare salvi i vitalizi dei parlamentari.
Attendiamo di conoscere come saranno formulate le ipotesi emendative su cui si sarebbe trovata l’intesa nell’ambito della maggioranza: in ogni caso riteniamo inaccettabile, e lo contrasteremo con forza, ogni intervento che scarichi in modo così pesante e discriminatorio sui lavoratori pubblici e della scuola i costi della manovra.

Roma, 30 agosto 2011

ago 262011
 

Di seguito il testo e l’allegato della nota pubblicata sul sito dell’Ufficio XV- Ambito territoriale per la provincia di Palermo in data odierna.

URGENTISSIMO – Convocazione personale docente per immissione in ruolo 2011-2012.

Si comunica che la presente pubblicazione funge da formale convocazione posto che alla data odierna non è stato possibile trasmettere tutti i telegrammi per motivi tecnici, (interruzione energia elettrica e telefonica il giorno 25/agosto u.s.)
Si fa riserva di comunicare, in tempo utile alle convocazioni, il numero dei posti disponibili di tutta la Regione che, ad ogni buon fine verranno comunicati il giorno stesso delle convocazioni medesime.

ago 232011
 

 

Questa è una fase nella quale vanno privilegiate le iniziative di proposta e confronto per ottenere le necessarie modifiche al testo di legge: al riguardo non hanno alcuna utilità azioni di pura protesta, che appaiono oltretutto fuori dalla realtà in un momento come questo.

 

Per parte nostra abbiamo già evidenziato i punti di più evidente criticità della manovra rispetto ai lavoratori del pubblico impiego e della scuola, verso i quali si persiste in un atteggiamento di ingiustificato e inaccettabile accanimento. 

Le loro retribuzioni, vogliamo ricordarlo, sono state bloccate ai livelli del 2009 dalla manovra del 2010. Non è pensabile che possano subire alcuna decurtazione, come potrebbe avvenire se rimanesse in piedi l’ipotesi aberrante di un taglio delle tredicesime. 

E’, di tutte le misure, quella più odiosa e insopportabile, una sorta di “vendetta trasversale” che colpirebbe i lavoratori lasciando impuniti gli amministratori incapaci, veri responsabili di inefficienze e sprechi. 

E’ una norma che basta da sola a rendere impresentabile la manovra: diventa perciò indispensabile rimuoverla.

 Roma, 24 agosto 2011  

ago 232011
 

IL MIUR HA EMANATO POCHI MINUTI FA’ LA NOTA 6680 CON ALLEGATA LA NUOVA TABELLA.

Mar, 23/08/2011 – 19:06

Il MIUR – attraverso la

– inoltra agli Uffici Scolastici Regionali la
(allegata alla C.M. 73/11), che presenta la rideterminazione, in difetto, del solo dato concernente il contingente dei “collaboratori scolastici” (colonna “N”).

Per detta qualifica erano state previste in un primo momento 26.641 nomine ora diminuite a 26.466 (- 175): per mero errore, infatti, nel prospetto originario il totale generale delle nomine (colonna “S”) era stato ricavato non addizionando il valore (175) della colonna “O” relativa al profilo di “cuoco”

ago 192011
 

 

ASSISTENTI AMMINISTRATIVI
Giorno  23  Agosto  2011  ore  8,30  presso  il  salone  del  CSA  sito  in  Via  Praga,  29  Palermo, sono convocati per nomina a tempo indeterminato i seguenti candidati:
1 – Placenti Maria Santa
2 – Caronna Nadia Maria
3 – Di Salvo Pietra Maria
4 – Salerno Rosaria
ASSISTENTI AMMINISTRATIVI RISERVISTI
1 – Vaccaro Maria Grazia
2 – Leone Serafina
3 – Polizzano Angela Maria
4 – Gulotta Giuseppina
GUARDAROBIERE:
Giorno 23 Agosto 2011 ore 9,30 presso il salone del CSA sito in Via Praga 29 Palermo, convocata per nomina a tempo indeterminato:
1. GIAMMONA SALVATRICE
COLLABORATORI SCOLASTICI ADDETTO AZIENDA AGRARIA:
Giorno  23  Agosto  2011  ore  10,00  presso  il  salone  del  CSA  sito  in  Via  Praga  29  Palermo, sono convocati per nomina a tempo indeterminato i seguenti candidati:
 GAMBINO ANDREA
 SPALLINO FILIPPO
 D’ASARO ANTONINO
 RAGUSA GIUSEPPE
COLLABORATORI SCOLASTICI
Giorno 23 Agosto 2011 ore 11,00 presso il salone del CSA sito in Via Praga, 29 Palermo. sono convocati tutti i beneficiari della Legge 104/92 artt: 21 e 33 della graduatoria di collaboratori scolastici compresi tra il posto 1 e il posto 598 della graduatoria comune; Successivamente verranno
nominati n. 4 riservisti beneficiari della Legge 104/92 artt. 21 e 33: La Placa Domenico e Accardi Rosalia, (Art.21) Puccio Salvatore e La Placa Concettina (Art.33)
COLLABORATORI SCOLASTICI CONVOCATI:
Giorno 24 Agosto 2011 ore 8,30 dal posto 1 al posto 160;
Giorno 24 Agosto 2011  ore 14,30 dal posto 161 al posto 300;
Giorno 25 Agosto 2011  ore 8,30 dal posto 301 al posto 450;
Giorno 26 Agosto 2011  ore 8,30 dal posto 451 al posto 598 + 13 Riservisti restanti;
RISERVISTI (N)
Tarallo Antonino, Bologna Giovanni, Cucinella Giacomo Giuseppe, Ferba Rosolino,Airò Farulla Calogero, Durante Carmelo, Cecala Giuseppa, Di Gregorio Paolo, Bommarito Salvatore, MarinoSalvatore (PA 04/07/1961), Albanese Franca, Di Maggio Grazia;
RISERVISTA (M)
Presti Rosalia.
Avviso:
La pubblicazione del nuovo calendario, relativo a tutte le operazioni da effettuarsi per la
conclusione di tutti i lavori sia nomine a tempo indeterminato che di nomine a tempo determinato,
verrà pubblicato, sempre con le stesse modalità, il giorno 26 Agosto 2011 alle ore 14,00.
f.to Il Dirigente
Rosario Leone
Lett.pubbli calendario nomine ATA 2011/12

ago 092011
 

L’azione del nostro sindacato non può fermarsi a questo risultato che è da considerarsi punto di partenza per una più complessiva iniziativa che deve guardare al rilancio del settore attraverso quel riordino più volte richiamato e mai perseguito.


La Cisl Scuola rimane, pertanto, impegnata a negoziare percorsi praticabili al fine di garantire, non solo il sostegno al reddito ma soprattutto il reinserimento lavorativo di quanti in questo momento hanno visto mettere in discussione quelle certezze di continuità lavorativa.

Con la sottoscrizione dell’intesa 816 lavoratori del CEFOP si vedono riconoscere il diritto all’accesso a questo strumento di sostegno al reddito, con la prospettiva di verificare a partire dal 1 ottobre la possibilità di un reinserimento lavorativo e/o una possibilità di riqualificazione a seguito delle decisioni del tribunale fallimentare che vedrà impegnati i commissari nella predisposizione di un piano per risolvere le questioni che hanno determinato l’esclusione dell’ente dalle attività del PROF 2011.

Nella stessa giornata di oggi, sì è inoltre pervenuti alla sigla del verbale istituzionale per la concessione della cassa integrazione in deroga per i lavoratori dell’ARAM.
Infatti nei giorni scorsi a seguito di un serrato confronto, che ha visto la nostra organizzazione determinata a richiedere la trasformazione della procedura di mobilità avviata e conclusa ai sensi della previgente normativa sulla gestione del fondo di garanzia, si pervenuti unitamente all’intervento del responsabile del Comitato per l’Occupazione della Regione Sicilia e alle altre OO.SS., alla riapertura del tavolo e alla sottoscrizione dei relativi verbali (Tavolo di Crisi -coordinato dal dott. Cianciolo- Esame congiunto presso l’Ufficio Regionale del Lavoro di Palermo) che hanno formalizzato quanto da noi fortemente ricercato.

Ancora una volta la nostra iniziativa ha prodotto risultati concreti per dei lavoratori che si trovavano in mobilità senza le necessarie garanzie di tutela e sostegno al reddito.
Nelle prossime ore riceveremo il calendario per la trattazione delle richieste avanzate da altri enti (INTEREFOP, ECAP, CIOFS, IRFAP, ANCOL, IRIPA) e rispetto a ciò ne daremo tempestiva comunicazione.

Ad oggi gli enti che hanno sottoscritto i verbali di intesa per la concessione della cassa integrazione in deroga sono: ANFE (573), IAL Sicilia (363), CEFOP (816), ARAM (167). I numeri dei lavoratori da avviare o già avviati alla sostensione sono da ritenersi indicativi in relazione alla modalità che gli enti hanno deciso di adottare, come per esempio la rotazione tra tutte le figure fungibili all’interno di ogni livello e relativa qualifica.

Le intese sottoscritte prevedono, inoltre, che le stesse saranno oggetto di successivo confronto da esperirsi entro il mese di settembre, quando saranno resi esigibili i 45 milioni di euro oggetto della manovra di assestamento di bilancio in favore del settore della Formazione professionale.
La concreta disponibilità delle suddette risorse determinerà la revoca delle sospensioni già poste in essere o previste, procedendo a una rideterminazione delle unità da porre in cassa integrazione.

ago 092011
 

E’ importante che il

preveda, oltre alle assunzioni del primo anno, la copertura piena del turn over anche per i due anni successivi, in modo che a fine triennio sarà possibile arrivare a oltre 120.000 assunzioni. La distribuzione dei posti fatta dal MIUR ci sembra tale da assicurare un buon equilibrio fra gradi di scuole e aree territoriali; il rischio era di veder penalizzate fortemente realtà già toccate in modo pesante dai tagli. A tutti i territori è data invece la possibilità di coprire nella stessa percentuale le vacanze di organico esistenti.

E’ chiaro che le assunzioni non risolvono tutti i problemi della scuola, che continueremo a rappresentare con determinazione; è però davvero impossibile non cogliere la straordinarietà di un risultato che nasce dalla capacità del sindacato di rivendicare, confrontarsi e fare accordi. E’ così che si danno davvero risposte ai problemi della gente.

Roma, 9 agosto 2011

Francesco Scrima, segretario generale Cisl Scuola

ago 092011
 

Nella mattinata di oggi è stato siglato l’accordo tra il Minitero del lavoro e delle Politiche Sociali e la Regione Siciliana per destinazione di ulteriori 10 milioni di euro a valere sui fondi nazionali per la concessione o per la proroga in deroga alla vigente normativa di trattamenti di cassa integrazione guadagni, ordinaria e/o straordinaria.

Nello stesso pomeriggio e fino a tarda sera, presso i locali della CRI di via Imperatore Federico, si è proceduto alla firma dei verbali istituzionali per la concessione della CIG in deroga per ANFE e IAL CISL alla presenza della dott.ssa Russo (Dirigente Generale del Dipartimento Regionale del Lavoro), del dott. Albert (Dirigente Generale del Dipartimento Istruzione e F.P.), del dott. Lombardo (responsabile dell’URL di Palermo), del dott. Cianciolo (Responsabile del Comitato per l’occupazione della Regione Siciliana), del dott. Messina (rappresentante di Italia Lavoro),  dei rappresentanti degli enti interessati alle procedure e le OO.SS. Regionali di categoria e confederali di (CGIL, CISL, UIL e SNALS Confsal).

La trattazione della richiesta del CEFOP e la conseguente riunione per la firma del verbale istituzionale è aggiornata a domani 10 agosto.

Sempre domani è prevista una riunione tecnica presso l’Assessorato al lavoro per chiarire la questione che riguarda l’obbligo dei lavoratori di recarsi presso i centri per l’impiego entro i 5 giorni previsti dalla normativa vigente.

Ciò rappresenta un problema tecnico che gli uffici preposti dovranno affrontare per la predisposizione degli atti propedeutici necessari per la gestione delle procedure attraverso il sistema informatico. E’ chiaro che le tempistiche saranno gestite con la dovuta flessibilità e attenzione da parte dei responsabili dei centri per l’impiego al fine di evitare situazioni di criticità.

Forniremo nelle prossime ore ulteriori indicazioni per rassicurare i lavoratori che saranno, loro malgrado, sottoposti a situazioni difficili in un periodo di tensioni che ci auguriamo possano essere ricondotte a normalità

ago 052011
 
“Siamo davvero soddisfatti, perchè il piano triennale prende avvio esattamente come avevamo stabilito nelle intese raggiunte col Governo: è oggi chiaro a tutti che quando indicavamo in circa 65.000 le possibili assunzioni parlavamo a ragion veduta. E’ importante che il piano preveda, oltre alle assunzioni del primo anno, la copertura piena del turn over anche per i due anni successivi, in modo che a fine triennio sarà possibile arrivare a circa 120.000 assunzioni. Pur dovendo attendere le elaborazioni tuttora in corso da parte del MIUR, i criteri che ci sono stati illustrati ieri ci sembrano tener conto della necessità di garantire un’equilibrata distribuzione delle assunzioni, evitando di penalizzare eccessivamente realtà già segnate pesantemente dai tagli. A tutti i territori è data comunque la possibilità di coprire nella stessa percentuale le vacanze di organico esistenti. E’ chiaro che le assunzioni non risolvono tutti i problemi della scuola, che abbiamo ben presenti e che continueremo a rappresentare con determinazione; è però davvero impossibile non cogliere la straordinarietà di un risultato che nasce dalla capacità del sindacato di rivendicare, confrontarsi e fare accordi. E’ così che si danno davvero risposte ai problemi della gente.

Dichiarazione di Francesco Scrima, Segretario Generale CISL Scuola

Roma, 5 agosto 2011″
ago 042011
 

Era anche indispensabile agire in tempi brevi per avere, come volevamo, le assunzioni entro il mese di agosto. Senza l’intesa non ci sarebbero state le immissioni in ruolo.
Siamo assolutamente convinti che il “prezzo” pagato con l’accordo sottoscritto sia ampiamente compensato dal risultato raggiunto. L’intesa prevede che per i neo assunti il primo avanzamento stipendiale (mediamente 50 euro lordi al mese) non avvenga al terzo anno di anzianità ma al nono, quando si sommerà al secondo scatto, quest’ultimo confermato nel suo valore attuale. Ma siccome la stragrande maggioranza dei precari ha molta anzianità di servizio pregressa, che viene recuperata perché non cambiano le regole per la ricostruzione di carriera, l’attesa per lo scatto sarà in tantissimi casi molto breve, se non addirittura inesistente.
Nessun diritto dei lavoratori è stato violato: parliamo infatti di norme contrattuali, quelle sugli scatti, più volte modificate anche in passato nei contratti; l’accordo, del resto, prevede esplicitamente che tale modifica operi fino al prossimo rinnovo contrattuale.
Il dato vero è che la CISL, ancora una volta, promuove un diritto fondamentale, quello al lavoro.
Sono state tante in questi mesi le polemiche di cui siamo stati fatti oggetto, accusati di sparare cifre inverosimili sulle assunzioni (qualcuno le ha chiamate “spot elettorali per il governo”) o, al contrario, di aver fatto accordi al ribasso, dimenticando in questo caso che un numero di assunzioni così abbondantemente superiore al turn over non è stato mai ottenuto nella storia della scuola italiana.  
Oggi sono i numeri a dire chi aveva ragione, chi si è limitato a fare comizi e chi, invece, ha lavorato per tutelare davvero gli interessi dei lavoratori.