dic 302011
 

L’incontro, svoltosi presso la sede di via Cordova, relativo all’esame congiunto per la prosecuzione della cassa integrazione (prima concessione di cui al verbale di intesa istituzionale del 10 agosto 2011) per ulteriori 6 mesi porterà i Commissari (attualmente ancora in amministrazione giudiziale) a disporre la sospensione di tutti i lavoratori a decorrere dal 1 gennaio 2012.

Ciò nelle more che si definiscano le procedure per l’accreditamento delle somme relative al prof 2011.

Una volta evase le procedure per l’utilizzo dei 12 MLN di euro di cui al finanziamento inizialmente congelato, sarà disposto il rientro del personale secondo le esigenze specifiche dei corsi che partiranno e utilizzando i criteri già concordati negli incontri precedenti (L. 223/91 e CCNL 1994/1997 F.P.).

La nostra organizzazione ha fatto richiesta che le parti sindacali siano tempestivamente informate al fine di determinare una nuova modalità di informazione ai lavoratori che possa determinare, grazie al lavoro dei Commissari, una nuova stagione che faccia della trasparenza e della condivisione quel valore aggiunto necessario in questo momento di grande difficoltà.

A margine della riunione i Commissari hanno fornito alcune informazioni:

  • In data 23 dicembre è stata presentata la relazione al Ministero competente al fine di determinare la possibilità di riequilibrio finanziario dell’ente che in caso di parere positivo espresso dal Ministero determinerà il passaggio all’Amministrazione Straordinaria che dovrà essere oggetto di specifico provvedimento da parte del Tribunale. In questo caso sarà possibile attuare le previsioni del D. Lgs 270/99 per un accesso diretto alla Cassa Integrazione con specifica autorizzazione del Ministero. Quest’ultima condizione sarà soggetta a valutazioni specifiche al fine di garantire ai lavoratori la procedura più veloce per accedere agli strumenti di sostegno al reddito.
  • Emissione del secondo acconto della 1^ annualità relativamente all’Avviso 1 (sportelli multifunzionali) per complessivi 1.731,001,97 (mandati 257 e 258).
dic 232011
 

Chiusura Uffici

 

Si comunica che gli uffici della CISL Scuola saranno chiusi dal 23.12.2011al 06.01.2012.

L’assistenza per la compilazione del modello on line per la terza fascia d’istituto del personale ATA sarà garantita nei giorni 28, 29, 30 dicembre dalle ore 9,30 alle ore 12,30.

 

                                                                                                          La Segreteria

dic 222011
 

NELLA MATTINATA DI OGGI SONO STATI INVIATI AGLI AVENTI DIRITTO I TELEGRAMMI PER L’ASSUNSIONE IN RUOLO DI ASSISTENTI AMMINISTRATIVI. TALI ASSUNSIONI VENGONO EFFETTUATE SUI POSTI RESTITUITI DALL’ACCANTONAMENTO EFFETTUATO PER I DOCENTI INIDONEI CHE CHIEDEVANO DI PASSARE NEL PROFILO DI ASS. AMMINISTRATIVO. LE OPERAZIONI VERRANNO FATTE NELLA MATTINATA DI DOMANI, 23 DICEMBRE, ALLE ORE 8,30 PRESSO I LOCALI DELL’EX CSA. ECCETTO DUE POSTI CHE SPETTANO A BENEFICIARI DI RISERVA, I RIMANENTI VERRANNO DATI PER SCORRIMENTO DELLA GRADUATORIA PERMANENTE DI PRIMA FASCIA A PARTIRE DALL’ULTIMO IMMESSO IN RUOLO NELLE PRECEDENTI OPERAZIONI.

 

dic 222011
 

MOBILITA’ PROFESSIONALE ATA

La validità di un’intesa che salvaguarda i diritti, le aspettative di migliaia di lavoratori e riconosce le esigenze organizzative accertate e sottoscritte dallo stesso governo che ha approvato il Dlgs 150/09.

dic 192011
 

Dichiarazione di Francesco Scrima, Segretario Generale CISL Scuola

Sul reclutamento dei docenti occorre muoversi con equilibrio e con decisione. Si deve tener conto delle attese e dei diritti di chi oggi è nelle graduatorie ad esaurimento, ma nello stesso tempo vanno date opportunità di accesso all’insegnamento anche alle leve più giovani.
Non è impresa facile, perché lo squilibrio tra domanda e offerta di lavoro nella scuola è drammatico e rischia di diventarlo ancor di più a causa delle nuove regole previdenziali, che oltre tutto ostacoleranno anche l’auspicato ringiovanimento del corpo docente.
Più che estemporanee sortite sulla stampa, servono progetti chiari su cui aprire al più presto un serio confronto. Il tavolo su reclutamento e precariato, che il MIUR si è impegnato pochi giorni fa ad avviare, è per noi la sede giusta per ragionare in termini un po’ meno vaghi sui concorsi, sulle modalità e sui tempi del loro svolgimento.
Altrettanto indispensabile è proseguire nell’attuazione del piano triennale di assunzioni, assumendone fino in fondo la logica, che è quella della stabilizzazione del lavoro nella scuola; solo così infatti si possono creare reali e concrete opportunità di accesso all’insegnamento.
Roma, 19 dicembre 2011

dic 172011
 

Anche dopo l’approvazione della manovra varata dal Governo da parte della Camera rimane il nostro giudizio di una forte iniquità, soprattutto nei confronti dei dipendenti pubblici.
E lo sciopero di un’ora di lunedì prossimo del comparto scuola è una prima risposta ai tanti interventi penalizzanti del settore che ai tagli di organici e risorse degli anni passati e allo stop dei rinnovi contrattuali vede ora affiancarsi pesanti ripercussioni soprattutto sul versante previdenziale.
La CISL chiede con forza che istruzione e formazione siano finalmente assunti come risorsa su cui investire per la crescita, per uscire meglio e più rapidamente dalla crisi. Per questo serve un confronto vero tra Governo e parti sociali, ma chiediamo che lo stesso avvenga con il Ministro in modo specifico sulle politiche scolastiche.

Roma, 16 dicembre 2011

dic 152011
 

Bene l’attenzione del Governo per la scuola del Sud, purchè siano messe al centro le vere prirorità di un’area segnata da enormi e annosi problemi.
Un’edilizia scolastica insufficiente e spesso fatiscente, la complessità e la difficoltà del lavoro degli insegnanti in un contesto sociale ed economico così disagiato sono le vere e prime emergenze.
La digitalizzazione degli istituti scolastici può essere certamente un obiettivo da considerare, ma non è di per sè risolutiva di criticità ben più consistenti.
Ci auguriamo che il Governo abbia questa consapevolezza.

Roma, 15 dicembre 2011

dic 072011
 

Dichiarazione di Francesco Scrima, Segretario Generale CISL Scuola

Scuola, un’ora di sciopero il 16 dicembre
Lo sciopero dell’ultima ora di servizio del 16 dicembre è una prima risposta al grave deficit di equità che segna la manovra varata dal Governo.
Tutto questo nasce anche dall’inspiegabile rifiuto che hanno incontrato le nostre richieste di un confronto finalizzato a un patto con le forze sociali.
In altri momenti difficili della nostra storia questa si è rivelata una strada proficua per il Paese.
Per contrastare la crisi occorre favorire al massimo la coesione e l’assunzione di responsabilità, e questo richiede prima di tutto che al rigore si affianchi il massimo di equità.
A questo vogliamo puntare con la nostra mobilitazione.

Roma, 6 dicembre 2011