gen 282013
 

Scatti, attuare subito l’accordo. No a inerzie e demagogia

Lun, 28/01/2013 – 09:10

Basta ritardi e inerzie, l’accordo per il pagamento degli scatti maturati nel 2011 va attuato; non esistono altre vie praticabili, chi chiede oggi risorse aggiuntive fa solo demagogia. 

di Cisl, Uil, Snals, Gilda.

 

Stringere i tempi di attuazione dell’accordo, per pagare gli scatti a chi li attende da mesi e dare alle scuole un quadro certo delle risorse disponibili. Lo chiedono insieme i sindacati firmatari dell’intesa all’ARAN dello scorso dicembre, denunciando anche, in un 

, i comportamenti di chi ne presenta in modo distorto i contenuti con iniziative di stampo demagogico che puntano a dividere anzichè unire la categoria.

L’accordo è nell’interesse di tutti, non solo di una parte: la situazione politico-economica ne fa un’ipotesi priva di credibili alternative e ne rende del tutto accettabili i costi, nell’interesse prioritario di salvaguardare un importante elemento della retribuzione tabellare. Cisl, Uil, Snals e Gilda stanno incalzando in queste ore il ministro e il governo perchè si proceda rapidamente alla firma conclusiva del contratto e alla sua attuazione.


Allegato Dimensione
gen 272013
 

 

Tavolo tecnico Regionale sul Dimensionamento scuole siciliane al via. Sintesi  del Segretario Regionale Vito Cudia 

Come già pubblicato nei giorni scorsi, ieri (25 gennaio 2013), alle ore 10:00, nei locali dell’Assessorato Regionale Pubblica Istruzione e Formazione Professionale di Palermo (Via Ausonia, 122) si è riunito il Tavolo Tecnico Regionale per la razionalizzazione e dimensionamento della rete scolastica costituito con D.A. n. 1110/IX del 04/11/2008.
Dopo i preliminari di rito, ha aperto i lavori il dott. Domenico Giubilaro che ha comunicato che in tempi strettissimi (entro il 10 febbraio p.v. e forse anche prima) bisognerà espletare tutte le operazioni connesse al dimensionamento e definire il Piano regionale da inviare al Miur.
Stante i tempi contingentati l’Assessorato per quest’anno prevede solo di sanare le criticità emerse dal precedente piano regionale ed incardinare un prossimo nuovo piano di dimensionamento / razionalizzazione nel più ampio Piano per la scuola siciliana che sarà avviato a breve.
Sulla scorta di quanto è avvenuto l’anno scorso, non possono sussistere situazioni di conflitto Stato-Regione e quindi sarà assunto come criterio base il tetto minimo di 600 alunni, con deroga a 400 per le aree disagiate, realtà montane e piccole isole, onde assicurare l’autonomia scolastica a tutte le Istituzioni e nello stesso tempo garantire la preposizione alle stesse di Ds e Dsga titolari.
Poiché i criteri assunti dall’Assessorato Regionale per quest’anno sono stati già pubblicati nel sito istituzionale, entromercoledì prossimo l’Assessorato regionale si attende proposte operative ed ipotesi di fattibilità da parte di tutti i soggetti interessati, allo scopo di definire il Piano in tempi brevissimi e presentarlo ai componenti del Tavolo Tecnico Regionale per un confronto e la successiva ratifica.
Scontato che è interesse di tutti raggiungere il tetto massimo di istituzioni autonome normo-dimensionate in Sicilia (885) previsto dalla Conferenza Stato-Regioni; ciò significa che c’è la disponibilità potenziale di istituire ulteriori 54 scuole autonome, dato che in atto sono 831.
La delegazione della Cisl Scuola nel suo articolato intervento ha sottolineato che una funzionale proposta di sistema non può essere legata all’eventuale smembramento di scuole per assecondare una mera stabilità numerica e senza tenere conto del territorio di riferimento, pur se si deve fare i conti con le 171 scuole sottodimensionate in atto esistenti in Sicilia e considera anche residuale il ricorso all’istituto della reggenza che, per sua natura, dovrebbe essere occasionale e temporaneo. La delegazione si è augurata anche che quest’anno “particolari esigenze territoriali” espresse a posteriori da terzi interessati, come è accaduto l’anno scorso, non vanifichino le proposte portate avanti al Tavolo. Scontato che nell’anno in cui arriveranno a compimento ben due concorsi per Ds l’attenzione dell’Organizzazione va anche rivolta al numero dei posti da destinare agli idonei.
Relativamente alla proposta di un Piano per la scuola siciliana, per la “buona scuola”, come afferma da tempo la Cisl Scuola, la delegazione ha fatto rilevare all’Assessore che esso potrebbe risultare “decapitato” perché privo di una legge sul diritto allo studio ed alla formazione che da troppi decenni non viene esitata, pur in presenza di numerose proposte di legge avanzate.
Al riguardo l’assessore Nelli Scilabra, nel frattempo intervenuto alla riunione, ha annunciato che a breve si avrà una legge relativa all’Università, a cui daranno un contributo importante anche gli studenti, come diretti interessati, ed in altrettanti tempi brevissimi si darà l’avvio ad un provvedimento sul diritto allo studio, alla formazione ed al lavoro, con il coinvolgimento di tutte le parti sociali.

gen 272013
 

27 gennaio 2013: “Giorno della Memoria”

Ven, 25/01/2013 – 17:25

Con la legge 20.7.2000, n. 211, la Repubblica Italiana riconosce e istituisce il 27 gennaio – data dell’abbattimento da parte delle truppe sovietiche dei cancelli di Auschwitz - “Giorno della Memoria”, al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico).

Insieme alla Shoah, si ricordano anche le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.

Ricordare per “conservare nel futuro dell’Italia la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia nel nostro Paese e in Europa, e affinché simili eventi non possano mai più accadere” .

* * *

Alla presenza del Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, martedì prossimo – 29 gennaio, ore 11.00, palazzo del Quirinale – si svolgerà la celebrazione ufficiale della “giornata”.

* * *

Il MIUR ricorda il “Giorno della Memoria” a tutte le sue articolazioni periferiche attraverso la 

 (emanata congiuntamente all’UCEI, l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane) nella quale – tra l’altro – si sottolinea “la promozione e lo sviluppo di progetti e iniziative - tra i quali “I giovani ricordano la Shoah”, giunta alla sua undicesima edizione - volti alla conoscenza e alla riflessione sulla Shoah, affinchè il ricordo di quanto avvenuto non venga mai meno e si diffonda tra le giovani generazioni la consapevolezza di quali enormi effetti possa determinare l’odio dell’uomo contro l’uomo”.

* * *

Si segnala, infine, la specifica pagina nel sito web del MIUR.

gen 272013
 

Concorso docenti, presidenti e componenti delle commissioni

Gio, 24/01/2013 – 19:07

Il MIUR ha emanato, in materia, le

 e 
.

 

Con la 

 si invitano i Direttori Regionali a riaprire i termini per la presentazione delle domande di partecipazione alle commissioni del concorso. L’operazione – da effettuarsi sempre tramite Polis – è stata prorogata a giovedì prossimo, 31 gennaio.

Con la 

 - concernente la costituzione delle commissioni per il concorso a cattedre – si inviano gli elenchi sorteggiati degli aspiranti a presidente, commissario e membro aggregato. Nella stessa nota si precisa che la funzione per la formazione delle commissioni sarà rilasciata agli uffici periferici dal 6 febbraio: nell’attesa i Direttori Regionali sono invitati a procedere secondo le disposizioni indicate nell’ordinanza 92/2012.


Allegato Dimensione
24.82 KB
gen 232013
 

Cessazioni dal servizio dal 1°.9.2013, prorogata al 5 febbraio la scadenza delle domande “on line”

Mar, 22/01/2013 – 14:26

Il MIUR – attraverso l’odierno 

 - comunica che il termine finale (inizialmente previsto per il 25 gennaio) per la presentazione, da parte di tutto il personale del comparto scuola, delle domande di collocamento a riposo avente decorrenza 1° settembre 2013 è prorogato al 5 febbraio 2013.


Allegato Dimensione
gen 232013
 

 

COMUNICATO ai LAVORATORI dello IAL SICILIA

 

I lavoratori dello IAL Sicilia così come tutti gli operatori della Formazione Professionale nella nostra Regione già pagano una pesante condizione di debilitazione materiale e sociale per il ritardo nel pagamento  delle retribuzioni e dell’avvio completo delle attività. Ancora una volta i ritardi e le incapacità dell’amministrazione Regionale e degli stessi Enti, hanno scaricato tutto il peso sulla parte più debole del sistema.

Il clima che si è sviluppato intorno allo IAL sta alimentando ulteriormente le preoccupazioni sulla condizione dei dipendenti e sulla prospettiva del loro lavoro.

La Cisl Scuola, assieme alle proprie Rappresentanze Sindacali Aziendali, chiede che si realizzi in tempi rapidi una specifica riunione con i Responsabili dello IAL, l’Assessore alla Formazione e il Dirigente Generale perché tale situazione necessita il ripristino della massima chiarezza, verità, trasparenza. Ancora meglio alla presenza del  Presidente della Regione.

Tutto questo deve servire solo per ridare, finalmente, serenità e stabilità agli 854dipendenti dello IAL.

Invitiamo la Regione Siciliana a non sottovalutare gli effetti sociali che possano derivare dal ritardo con cui si attivano le necessarie azioni di chiarezza che stiamo chiedendo.

Invitiamo i vertici dello IAL Sicilia a garantire, in tempi rapidi, tutte le informazioni utili per aiutare a fare chiarezza e ripristinare la verità sui fatti oggetto delle verifiche e delle ispezioni.

Riteniamo che logiche ed interessi che non appartengono al mondo del lavoro così come tensioni e lotte interne ad un Partito ed alla  coalizione di riferimento del Governo regionale, non debbano danneggiare pesantemente gli attuali 854 dipendenti dello IAL Sicilia, e nuocere in modo irreparabile all’attività ed ai servizi che può dare una delle realtà più significative e qualificate della storia della Formazione Professionale siciliana.

 

 

La Cisl Scuola convoca l’Assemblea dei lavoratori dello IAL Sicilia

per il 30 gennaio 2013 alle ore presso

 

Distinti saluti.

Il Responsabile Regionale FP

Cisl Scuola Sicilia

(Giovanni Migliore)

 

Il Segretario Generale

Cisl Scuola Sicilia

(Vito Cudia)

 

Le RR.SS.AA Cisl Scuola

Ial Sicilia

 

 

Palermo, 22 gennaio 2013

gen 212013
 

                                         Convocazione assemblea Pre-Congressuali

A tutti gli ISCRITTI CISL SCUOLA

Dirigenti -  Docenti e  ATA Scuola Statale

Docenti e non docenti Scuola non statale

Lavoratori Enti di Formazione Professionale

​La Cisl Scuola di Palermo celebrerà il 18 febbraio 2012 il  Congresso Territoriale, nell’ambito di un processo di riorganizzazione che prevede l’accorpamento della Cisl Scuola di Palermo e della Cisl Scuola di Trapani.  

Il personale in servizio nelle scuole/istituti/enti, iscritto a questa Organizzazione Sindacale, è convocato all’assemblea pre-congressuale, secondo il calendario allegato.

Ordine del giorno:

- Situazione politico – organizzativo - sindacale;

- Elezione delegati al 1° Congresso Territoriale Cisl Scuola Palermo e Trapani

Cordiali saluti.

                                                                                                           Il Segretario Generale

                                                                                                                  Francesca Bellia

 Calendario delle assemblee pre congressuali.

 

gen 152013
 

Classi di concorso: la Cisl Scuola chiede al Ministro di non firmare

Gio, 10/01/2013 – 14:39

La Cisl Scuola solleva forti obiezioni di merito e di metodo sul riordino delle classi di concorso e chiede al ministro Profumo di non procedere alla firma del decreto ministeriale.

 

La richiesta è contenuta in una

inviata oggi, 10 gennaio, dal segretario generale della Cisl Scuola, Francesco Scrima, al ministro Profumo.

Ad essere contestata è anzitutto la modalità con cui è stato condotto il confronto sullo schema di decreto, ennesima formulazione di un provvedimento di riordino più volte riproposto e oggetto di numerose contestazioni da parte delle organizzazioni professionali e disciplinari.

Scegliendo di affidare la materia ad un decreto ministeriale, e non più ad un Regolamento, il MIUR ha imboccato un iter accelerato di approvazione del testo, sottratto alle sedi di confronto e acquisizione di pareri altrimenti inevitabili.

Lo stesso confronto sindacale è stato compresso dalla scelta mortificante di attivare un mero scambio epistolare, laddove sarebbe stato indispensabile consentire una discussione ampia e approfondita.

Nel merito, la Cisl Scuola valuta negativamente l’ulteriore contrazione del numero di classi di concorso, che espone a pesanti ricadute la gestione degli organici e delle graduatorie ad esaurimento, mettendo a rischio posizioni consolidate e le connesse aspettative del personale precario.


Allegato Dimensione
gen 142013
 

COMUNICATO STAMPA

Formazione, oggi protesta contro blocco cig in deroga

Cisl “nei prossimi giorni altre proteste”

“Sono state bloccate tutte le istanze di cassa integrazione in deroga definite dopo il31 dicembre scorso in attesa del monitoraggio della spesa , qualora la Regione siciliana dovesse sbloccare il cofinanziamento pari a 11 milioni di euro e contestualmente il Ministero del Lavoro la somma  già stanziata di 65 milioni per la Regione, le procedure relative ai pagamenti si potrebbero attivare quanto prima, ma i tempi sono indefinibili e imprevedibili”. Lo afferma Giovanni Migliore Responsabile Formazione Cisl Scuola nel giorno del sit-in organizzato dalla Cisl Scuola presso la sede Inps di via Laurana,  nel corso del quale una delegazione capeggiata dalla Cisl è stata ricevuta dalla dirigenza regionale dell’Istituto. “Nei prossimi giorni, saranno organizzate altre iniziative per sbloccare le somme e chiederemo l’apertura di un tavolo su tutte le problematiche della Formazione Professionale nell’Isola”. La protesta era stata organizzata  dalla Cisl Scuola contro il blocco del pagamento delle cig in deroga relativa all’anno 2012. Si tratta dei lavoratori degli enti che, pur avendo ottenuto l’approvazione dell’Ufficio del lavoro, attendono la trasmissione dell’allegato dell’Inps che da il via libera al pagamento della cassa che doveva avvenire entro il 31 dicembre scorso. Il provvedimento di blocco riguarda fra gli altri i lavoratori di Cefop in As, Ial Sicilia, CAS ed altri piccoli enti. Di fatto, denuncia la Cisl, esiste una situazione che ha portato a 328 esuberi tra i lavoratori del Cefop che è oggi in amministrazione straordinaria dopo il tracollo del Cefop.  Questi lavoratori si sono aggiunti ai 172 esuberi dell’ANFE Regionale, ai 63 dell’ARAM e ai 60 dell’ANCOL. Inoltre, rischiano di essere posti in mobilità i lavoratori dell’IPF, dell’IRFAP, dell’ECAP di Caltanissetta, dell’EnAIP di Caltanissetta e della Geoinformatica di Caltanissetta, enti storici non ammessi nell’avviso 20/2011, a questi vanno aggiunti altri lavoratori de enti quali l’Informhouse, Forma Mentis ed altri. Ad oggi, lamenta la Cisl, tra i licenziamenti effettuati e quelli che si potrebbero generare si potrebbe giungere a ben 2.000 posti di lavoro persi.

gen 132013
 
  • FORMAZIONE PROF, NUOVA PROTESTA REGIONALE A PALERMO
  • Si terrà lunedì 14 gennaio davanti alla sede regionale Inps. La Cisl: “Subito lo sblocco della cig in deroga per il 2012. Inps e Regione provvedano tempestivamente. Ma servono anche interventi a favore degli esuberi strutturali”
Cisl Sicilia - Foto Notizia

Tornano a protestare i lavoratori della Formazione in attesa del pagamento della cassa integrazione. Un sit-in organizzato dalla Cisl Scuola si terrà domani mattina lunedì 14 gennaio alle 10 davanti alla sede regionale Inps in via Laurana a Palermo per protestare contro il blocco del pagamento della cig in deroga relativa all’anno 2012. Si tratta dei lavoratori degli enti che, pur avendo ottenuto l’approvazione dell’Ufficio del lavoro, attendono la trasmissione dell’allegato dell’Inps che da’ il via libera al pagamento della cassa, che doveva avvenire entro il 31 dicembre. Il provvedimento di blocco riguarda fra gli altri i lavoratori di Cefop in As, Ial Sicilia, Cas e altri piccoli enti. “Chiediamo – spiega Giovanni Migliore, responsabile formazione della Cisl Scuola – che si sblocchi subito l’iter, i lavoratori attendono da troppo tempo, oltre un anno ed è ormai una emergenza sociale alla quale bisogna porre fine. L’assessorato alla Formazione revochi i corsi alla miriade di enti che, ad oggi, non sono partiti o sono stati sospesi o revocati e assegni le corsualità agli enti virtuosi”. La Cisl Scuola “ritiene inaccettabile tale situazione e chiede che Inps e Regione siciliana intervengano tempestivamente per lo sblocco di tale paradossale e insostenibile situazione”. “I lavoratori della formazione professionale – aggiunge Migliore -  continuano a pagare colpe non loro e vedono, in una situazione di continuo disagio economico, sfumare la possibilità di accedere a forme di sostegno al reddito. Chiediamo inoltre all’assessorato alla Formazione professionale un intervento urgente per le situazioni di tutti quei lavoratori ad oggi espulsi dal settore per esuberi strutturali o che non sono rientrati nelle procedure di cig in deroga per problematiche di certo non addebitabili ai lavoratori”. Di fatto, denuncia la Cisl,  esiste una situazione che ha portato a 328 esuberi tra i lavoratori del Cefop che è, oggi, in amministrazione straordinaria. Questi lavoratori si sono aggiunti ai 172 esuberi dell’Anfe regionale, ai 63 dell’Aram e ai 60 dell’Ancol. Inoltre, rischiano di essere posti in mobilità i lavoratori dell’Ipf, dell’Irfap, dell’Ecap di Caltanissetta, dell’Enaip di Caltanissetta e della Geoinformatica di Caltanissetta, enti storici non ammessi nell’avviso 20/2011. A questi, segnala ancora la Cisl, vanno aggiunti i lavoratori di enti quali l’Informhouse, Forma Mentis ed altri. Tra i licenziamenti effettuati e quelli che potrebbero arrivare se non si affrontano le problematiche aperte, sarebbero non meno di 2.000 i posti di lavoro persi.

gen 122013
 

Ministero dell’Istruzione, dell’ Università e della Ricerca

Dipartimento per l’Istruzione

Direzione Generale per il  Personale scolastico

 

AVVISO

OGGETTO: D.D.G. n. 82 del 24 settembre 2012. – Concorso a posti e cattedre per titoli ed esami finalizzato al reclutamento del personale docente nella scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di I° e II° grado - Avviso relativo alle prove scritte.

Ai sensi e per gli effetti dell’art. 11, comma 1, del D.D.G. n. 82 del 24 settembre 2012, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale (4a Serie speciale - Concorsi) n. 75 del 25 settembre 2012, si comunica che le prove scritte del concorso a posti e cattedre per titoli ed esami per il reclutamento del personale docente nella scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di I° e II° grado si svolgeranno secondo il calendario allegato.

Dette prove avranno luogo presso istituzioni scolastiche site nei capoluoghi di Regione. L’elenco delle sedi d’esame, con la loro esatta ubicazione e con l’indicazione della destinazione dei candidati distribuiti in ordine alfabetico, sarà reso noto con successivo avviso pubblicato sulla rete intranet e sul sito del MIUR (www.istruzione.it), nonché sui siti internet degli Uffici Scolastici Regionali competenti a gestire la procedura, il 25/01/2013.

La prova scritta avrà la durata di 2 ore e trenta minuti e si articolerà in quattro quesiti a risposta aperta. La prova scritta relativa all’insegnamento di discipline scientifiche e tecnico-pratiche (A020, A033, A034, A038, A049, A059, A060 e C430),che prevede anche l’espletamento di una ulteriore prova successiva di laboratorio, nonché le prove scritte relative all’insegnamento di discipline artistiche (ambito 01:classi A025/A028), che prevede anche l’espletamento di una ulteriore prova praticasuccessiva, avranno la durata di 2 ore e si articoleranno in tre quesiti a risposta aperta.

Le operazioni di identificazione dei candidati avranno inizio alle ore 08.00 per la sessione antimeridiana e alle ore 14.00 per la sessione pomeridiana.

 

 

IL DIRETTORE GENERALE

F.to Luciano Chiappetta

D.D.G. 24 settembre 2012 n. 82

 

                             CALENDARIO PROVE SCRITTE

 

 

 

 

 

 

 

DATA

 

MATTINA

 

POMERIGGIO

 

 

 

tipologia

 

tipologia

 

lun

INFANZIA

 

A017

Discipline economico-aziendali

mar

PRIMARIA

 

A033

Tecnologia

mer

A019

Discipline giuridiche ed economiche

A036/A037
(prova comune di Filosofia)

Ambito disciplinare 7:
Filosofia, psicologia e scienze dell’educazione / Filosofia e storia

 

 

A034

Elettronica

 

 

 

 

A020

Discipline Meccaniche e Tecnologia

A036
(prova di Scienze Umane)

Ambito disciplinare 7
Filosofia, psicologia e scienze dell’educazione

gio

A060

Scienze naturali, chimica e geografia, microbiologia

 

 

 

 

A029/A030

Ambito disciplinare 2:
Ed. Fisica II grado / Scienze motorie e sportive

 

 

ven

A025/A028

Ambito disciplinare 1:
Disegno e storia dell’arte / Arte immagine

A037
(Prova di Storia)

Ambito disciplinare 7
Filosofia e storia

lun

A043/A050  (prova comune di Italiano per Ambiti 4 e 9)

Ambito disciplinare 4:
Italiano, storia e geografia / Materie letterarie II grado

A047/A049

(prova di Matematica)

Ambito disciplinare 8:
Matematica / Matematica e Fisica

mar

A051
(prova di Latino)

Ambito disciplinare 9
Materie letterarie e latino nei licei ed Ist. Mag.li

A038/A049

(prova di Fisica)

Ambito disciplinare 8:
Fisica / Matematica e Fisica

mer

A052
(prova di Greco)  

Ambito disciplinare 9
Materie letterarie, latino e greco nel liceo classico

A245/A246

Ambito disciplinare 5:
Lingua straniera Francese / Lingue e civiltà straniere Francese

 

 

A059

Matematica e Scienze

 

 

gio

A345/A346

Ambito disciplinare 5:
Lingua straniera Inglese/Lingue e civiltà straniere Ingl.

C430

Laboratorio tecnologico per l’Edilizia ed esercitazioni di Topografia

 

gen 092013
 

SCUOLA NON STATALE: CEI – PALERMO

Assemblea unitaria al Centro Educativo Ignaziano (CEI) di Palermo. Lunedi 14 gennaio 2013, ore 12,00.

Convocata l’assemblea unitaria presso il CEI di Palermo sui contratti di solidarietà. Partecipera’ il referente Nazionale CISL SCUOLA  ELIO FORMOSA

gen 092013
 

Lavoro: Cisl, sia al primo posto nei programmi elettorali

Mar, 08/01/2013 – 13:28

Mettere il lavoro al primo punto di qualsiasi programma elettorale. Così il Dipartimento “mercato del lavoro” della Cisl commenta gli ultimi dati Istat.

 

In una nota, si sottolinea come ”l’impatto della crisi e le riforme pensionistiche stanno penalizzando particolarmente l’occupazione giovanile”.

Alla luce della crescita record registrata dalla disoccupazione nel 2012, “il lavoro deve essere il primo punto di qualsiasi programma elettorale, impegnando tutte le forze politiche a coniugare il necessario risanamento economico con misure di inclusione lavorativa e sociale”.

“Vanno valorizzati” - prosegue la nota della Cisl - “soprattutto gli strumenti che incrementano l’occupazione dei giovani e di coloro che sono stati espulsi dal mercato, come l’apprendistato nelle sue diverse tipologie per l’inserimento lavorativo dei giovani e dei lavoratori in mobilità, ed un nuovo contratto intergenerazionale che preveda il part-time in uscita per i lavoratori anziani con contestuale assunzioni di giovani”.

gen 022013
 

Napolitano: si pone una vera “questione sociale”

Mar, 01/01/2013 – 04:28

Dobbiamo parlare non più di ‘disagio sociale’, ma come in altri momenti storici, di una vera e propria ‘questione sociale’ da porre al centro dell’attenzione e dell’azione pubblica”. Questo il passaggio chiave del

del Capo dello Stato. Il convinto plauso di Bonanni.

Sta per iniziare un anno ancora carico di difficoltà. Non ci nascondiamo la durezza delle prove da affrontare, ma abbiamo forti ragioni di fiducia negli italiani e nell’Italia”, afferma Napolitano, che poi ripropone, citandole, alcune affermazioni fatte al meeting di Rimini del 2011: “Avere e dare fiducia non significa alimentare illusioni, minimizzare o sdrammatizzare i dati più critici della realtà: si recupera fiducia guardandovi con intelligenza e con coraggio. Il coraggio della speranza, della volontà e dell’impegno“.

Forte l’auspicio che la campagna elettorale si svolga in un clima di civile confronto che non degeneri in “contrapposizioni distruttive e reciproche invettive”.

Così il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, commenta con espressioni di forte apprezzamento le parole del Presidente della Repubblica: “È stato un discorso di alto profilo istituzionale, molto equilibrato, con una analisi realista dei gravi problemi del nostro paese. Ancora una volta il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano ci ha indicato con saggezza il percorso di riforme che bisognerà seguire per uscire dalla crisi, ponendo la questione sociale al centro dell’azione pubblica. L’occupazione e la giustizia sociale saranno i temi principali su cui tutti dovremo misurarci nel 2013 con grande senso di responsabilità e coesione nazionale. Uscire dalla recessione è possibile solo in un quadro europeo, con più concertazione e con l’ impegno di tutte le forze politiche e delle parti sociali. Noi pensiamo che bisognerà aprire anche una fase costituente per rivedere il titolo quinto della Costituzione e definire un nuovo assetto della pubblica amministrazione e delle istituzioni centrali e locali. Non possiamo continuare ad aumentare le tasse mentre si continuano a dissipare risorse pubbliche nei rivoli del clientelismo e della cattiva amministrazione. La fase di risanamento economico ora dovrà essere coniugata con maggiore equità sociale, a partire da una vera riforma fiscale che redistribuisca la ricchezza, aumenti salari e stimoli i consumi. Questa sarà la battaglia della Cisl nel 2013. In particolare è importante, e gli siamo molto grati, che il Presidente Napolitano abbia sottolineato i temi del mezzogiorno, dei diritti civili, della cittadinanza italiana agli immigrati nati in Italia, della violenza alle donne, della sicurezza nei luoghi di lavoro. Questioni in parte irrisolte che rimangono al centro dell’azione del sindacato, ed in particolare della Cisl, anche nel 2013“.

 

 

Allegato Dimensione
50.39 KB