nov 082011
 

PREMESSO

 

che le parti nel verbale di esame congiunto ex Legge n. 223 art.4 e art.24, stipulato presso il servizio URL di Palermo, in data 8 luglio 2011, hanno concluso la procedura prevedendo l’utilizzo dell’ammortizzatore sociale CIG in deroga di cui alla legge n.2/2009 ed hanno convenuto che il monte ore eccedente venga distribuito per quanto possibile e compatibilmente con le esigenze organizzative e produttive dell’Ente paritariamente su tutto il personale fungibile per qualifica, tenuto conto della ripartizione territoriale/provinciale dell’eccedenza,

PREMESSO

che con il verbale d’intesa istituzionale per la concessione della CIGD stipulato il 09.08.2011 presso il Dipartimento Regionale Lavoro, siglato dalle OO.SS. FLC CGIL, CISL SCUOLA e UIL SCUOLA, le parti hanno concordato il ricorso alla CIGD per n. 363 lavoratori per un ammontare stimato in 181.655 ore complessive,

VISTO

il Decreto Assessoriale n. 4406 del 28.10.2011 dell’Assessorato regionale dell’Istruzione e della Formazione Professionale, pubblicato sul sito ufficiale del Dipartimento dell’Istruzione e della Formazione Professionale ed in corso di registrazione alla Ragioneria Centrale Istruzione e Formazione Professionale, in base al quale è approvato il Piano regionale dell’offerta formativa 2011 integrativo composto dalle proposte progettuali presentate ai sensi dell’Avviso pubblico n. 5 del 01 marzo 2011, così come modificato dall’Avviso pubblico n. 6 del 15 marzo 2011, giusta direttiva prot. n. 2727/GAB del 19 settembre 2011,

SI CONVIENE

che al fine di soddisfare le mutate esigenze tecnico organizzative ed evitare quanto più possibile il ricorso al personale esterno, le parti concordano di utilizzare il personale posto in CIGD che abbia i requisiti per coprire le carenze didattiche e tecnico organizzative all’interno delle proprie sedi formative secondo criteri analoghi a quelli previsti dall’art. 26 CCNL 94/97 lettera C punto 1 e) come richiamato dall’art. 34 e dall’allegato 10 del CCNL 2007-2010.

Si conviene altresì, qualora si rendesse necessario, l’utilizzo, in funzione articolata, di personale che abbia i requisiti contrattualmente previsti (titolo di studio congruo o competenze certificate, come definite dall’allegato 9 CCNL 2007-2010), fermo restando il mantenimento della qualifica e del livello di inquadramento acquisiti, se superiore.

Nel caso di professionalità non presenti tra i lavoratori posti in CIGD, l’identificazione dei lavoratori disponibili avverrà con atto di interpello da parte dell’Ente e su successiva formale disponibilità da parte del lavoratore di ricorrere alle funzioni articolate ai sensi delle vigenti previsioni contrattuali in materia (art. 25 lettera C), per consentire lo svolgimento regolare del PROF 2011.

L’eventuale svolgimento di funzioni superiori, in funzione articolata, retribuite come contrattualmente previsto, esclusivamente per il periodo di svolgimento del piano formativo integrativo 2011, e fino alla sua conclusione, non darà titolo automatico ad inquadramento al livello superiore trascorso il termine della funzione articolata stessa.