mar 312014
 

miur palazzo Dopo poco più di due settimane di confronto e con grande anticipo rispetto agli scorsi anni è stata sottoscritta oggi, 26 marzo 2014, l’intesa sull’ipotesi di CCNI per le utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, ATA ed educativo per l’a.s. 2014/15.
In avvio della trattativa era stato assunto tra le parti l’impegno ad una rapida rivisitazione del testo dell’anno precedente, procedendo alla rettifica di eventuali refusi e a ridotti interventi di modifica, puntando a evitare per quanto possibile di fornire spunti per rilievi da parte del MEF e della Funzione Pubblica, cui il testo va inviato per le prescritte procedure di verifica; proprio a causa di tali rilievi  in passato si è prodotto un rallentamento dei tempi di definitiva sottoscrizione del contratto, con conseguenti disagi rispetto a una gestione delle operazioni compatibile con il regolare avvio dell’anno scolastico. Per l’a.s. 2013/14, come si ricorderà, i rilievi del MEF portarono alla sottoscrizione di due ipotesi di intesa, il 15 maggio e il 29 agosto, e si pervenne alla sottoscrizione definitiva del CCNI solo il 12 dicembre 2013.

Limitate, quindi, le integrazioni e le novità apportate al testo contrattuale, di cui forniamo di seguito una sintesi.

  • Tra i destinatari delle utilizzazioni sono stati ricompresi i neo assunti a tempo indeterminato (dal 1°.9.2013) che non sono stati soddisfatti nelle preferenze espresse con la domanda di trasferimento e a cui è stata assegnata la sede di titolarità d’ufficio. E’ stato di conseguenza opportunamente integrato il rispettivo ordine delle operazioni.
  • È stato precisato, al fine di evitare fraintendimenti e prevenire contenzioso, che le utilizzazioni anche d’ufficio in altra classe di concorso (o posto) del personale docente titolare DOP e senza sede, appartenente a classe di concorso in esubero, possono essere effettuate nell’ambito di un unico grado di scuola.
  • Relativamente ai docenti di religione cattolica, si riconosce ai perdenti posto la precedenza per il rientro nella sede di utilizzazione dell’a.s. 2012/13.
  • In applicazione della legge 128/2013 è stato ricondotto a 3 anni il blocco alle assegnazioni provvisorie interprovinciali per i docenti neo assunti. Potranno, pertanto, presentare domanda di assegnazione provvisoria per diversa provincia i docenti assunti con decorrenza giuridica 1°.9.2011 o precedente. Come già previsto negli anni scorsi, il blocco non riguarderà i docenti assunti con decorrenza giuridica dall’a.s. 2012/13 e successivi, che siano beneficiari delle precedenze I, III, IV, VI e VII dell’art. 8, e le lavoratrici madri (o in alternativa i padri) che hanno figli di età compresa tra i tre e gli otto anni.
  • È stato chiarito che al personale assunto con decorrenza giuridica 1°.9.2014 non è consentito chiedere l’assegnazione provvisoria.
  • Relativamente alle precedenze, è stato precisato che i beneficiari sono tenuti a dichiarare, entro il termine di presentazione delle domande, l’eventuale venir meno delle motivazioni cui è legato il riconoscimento del diritto alla precedenza stessa.
  • Per i figli di età inferiore a tre anni, è stato previsto che la precedenza è riconosciuta ad entrambi i genitori – lettera i) per i docenti; lettera h) per il personale ATA.

Utilizzazioni nei licei musicali e coreutici
Le utilizzazioni nei licei musicali e coreutici sono state anche quest’anno uno degli argomenti più dibattuto nel confronto. Il “tavolo” ha ritenuto a maggioranza di non introdurre modifiche nelle procedure definite lo scorso anno. L’unica novità riguarda i docenti titolari di sostegno, i quali saranno esclusi dall’utilizzazione solo se soggetti al vincolo di permanenza quinquennale.
Altre integrazioni al testo sono state apportare per introdurre chiarimenti su aspetti controversi che avevano determinato qualche criticità.

                                                   * * *

Il testo dell’intesa sarà ora sottoposto al vaglio delle procedure di controllo. È auspicabile che la sottoscrizione definitiva del CCNI possa avvenire con congruo anticipo rispetto agli anni scorsi.
I termini per la presentazione delle domande saranno definiti, ovviamente, in occasione di detta sottoscrizione definitiva.