mar 272017
 

28_3_2017Sono molto disponibili a spostarsi dal luogo di residenza, ma si aspettano per la loro vita un lavoro stabile. Questo il dato che emerge da un’indagine condotta dalla Cisl Scuola in preparazione dell’iniziativa “Giovani, scuola, società, lavoro”, un momento di incontro e dialogo con gli studenti in programma domani, 28 marzo, a Roma presso l’ITIS Galilei con inizio alle ore 9,30. Prontissimo a spostarsi in cerca di lavoro il 66% dei ragazzi intervistati (alunni del quarto o quinto anno delle superiori), poco disponibile il 33%, solo l’1% afferma di non volersi allontanare. Ma ad aspettarsi di cambiare lavoro più volte nella sua vita è solo il 13%: prevede di farlo una o due volte il 29%, tutti gli altri (ben il 58%) si attendono un lavoro stabile. Considerano il lavoro una necessità e un diritto, ma soprattutto un fattore di autorealizzazione personale. Si dividono pressoché in parti uguali tra quanti pensano a un lavoro dipendente e quanti aspirano a un’attività di tipo autonomo o imprenditoriale. Guardano con fiducia al loro futuro, talvolta con entusiamo, ma non nascondono anche incertezze e a volte paura.
Aspirazioni, attese e preoccupazioni saranno al centro del dialogo che avrà per protagonisti gli studenti di alcuni istituti romani e alcuni autorevoli esponenti del mondo accademico e sindacale, portatori di conoscenze ed esperienze utili per l’esplorazione dei complessi intrecci che legano, o dovrebbero legare, i percorsi di studio e le aspettative di lavoro delle giovani generazioni.
A confrontarsi con gli studenti, col coordinamento della giornalista Claudia Fusani, saranno Leonardo Becchetti, docente di economia a Roma Tor Vergata, particolarmente impegnato sul versante della finanza etica e della responsabilità sociale di impresa, Alberto Felice De Toni, professore di ingegneria economico – gestionale, Magnifico Rettore dell’Università di Udine, segretario della CRUI (Conferenza dei Rettori delle Università Italiane) e Marco Bentivogli, segretario generale della FIM, il sindacato dei metalmeccanici della CISL.
Sarà Maddalena Gissi, segretaria generale della CISL Scuola, a introdurre i lavori, le cui conclusioni sono affidate alla segretaria generale della CISL Annamaria Furlan. Interverrà nel corso dei lavori la sen. Valeria Fedeli, ministra dell’istruzione, università e ricerca, che ha più volte richiamato la centralità da assegnare alle problematiche della realtà giovanile e l’importanza che in tale ambito riveste il tema del rapporto fra scuola e lavoro.
L’iniziativa del 28 marzo si inquadra in un più ampio progetto che la Cisl Scuola intende promuovere, finalizzato a rafforzare l’attenzione e l’impegno educativo da porre sulle tematiche riguardanti la complessità del mondo giovanile, sulle responsabilità sociali che ne conseguono e sui percorsi che possono favorire, a partire dal ruolo svolto dal sistema scolastico e formativo, un fecondo dialogo intergenerazionale.