giu 132017
 

xxxSi è svolto nella giornata di ieri, lunedì 12 giugno, presso il Miur, il previsto incontro sulla semplificazione amministrativa. La riunione, presieduta dal Capo di Gabinetto, dott.ssa Bono, ha avuto un taglio operativo e concreto. L’Amministrazione ha fornito una prima mappatura delle segnalazioni che sono state inviate dalle OO.SS. e da singoli operatori, utilizzando anche quanto era stato rappresentato già nel 2014 durante la consultazione sulla Buona Scuola. 
Sono state individuate tre macroaree:

  • gestione del contenzioso e della sicurezza negli edifici scolastici
  • procedure di acquisto e regolamento contabile
  • flussi informativi periodici che impegnano le scuole in rilevazioni e comunicazioni che spesso costringono a reiterare l’immissione di dati richiesti da soggetti diversi.

Tra le questioni affrontate abbiamo particolarmente sottolineato quella relativa alla sicurezza nei luoghi di lavoro. Abbiamo ricordato al Miur che ancora non è stato emanato il DM che era previsto nel dlgs. 81/2008 e che comunque è indifferibile trovare soluzioni su questo scottante tema.
Nel corso dell’incontro sono state avanzate osservazioni in merito agli adempimenti cosiddetti “seriali” e alla gestione dei tempi delle procedure amministrative richieste: i tempi della scuola infatti, fondati sull’articolazione dell’anno scolastico, spesso non sono quelli dell’amministrazione, che esercita le proprie competenze scandendole secondo l’anno finanziario. Ci si è inoltre soffermati sulla necessità di potenziare la formazione del personale di segreteria in relazione alle innovazioni introdotte in questi anni e di intervenire sulla penuria degli organici del personale amministrativo e sui vincoli imposti per la sostituzione in caso di assenza del personale, come anche sulla insufficienza dei sistemi informativi, spesso non rispondenti alle necessità delle istituzioni scolastiche.
E’ apparso a tutti evidente che se molte soluzioni potranno essere trovate per via amministrativa o contrattuale, altre necessiteranno invece di interventi legislativi. In tale direzione abbiamo ancora sollecitato un impegno per il nuovo Testo Unico della scuola, allo scopo di ottenere la necessaria armonizzazione tra le norme che si sono succedute e stratificate nel tempo.
Sono stati calendarizzati ulteriori incontri, il primo dei quali è fissato per lunedì prossimo, 19 giugno, per l’esame delle proposte circa il nuovo Regolamento di contabilità e la semplificazione delle procedure di acquisto, oltre che per individuare modalità di coordinamento rispetto all’inserimento di dati richiesti da amministrazioni diverse dal Miur.
Durante l’incontro si è anche molto discusso degli adempimenti previsti dal decreto-legge 73/2017 in materia di prevenzione vaccinale. Abbiamo rappresentato le difficoltà delle scuole, in fase di apertura dell’anno scolastico, ad adempiere agli impegni attribuiti dal decreto. La Cisl Scuola ha sottolineato l’inopportunità di affidare alle istituzioni scolastiche un ruolo di controllo e di segnalazione alle Asl delle famiglie inadempienti, oltre che di esclusione dalla scuola dell’infanzia dei bambini le cui famiglie non abbiano ottemperato alle indicazioni fornite nel decreto. E’ stato fortemente sollecitato in tal senso un impegno del Miur nella fase di conversione in legge.