mar 062019
 

ministero-istruzione-15La CISL Scuola ha siglato nella giornata di oggi, 4 marzo, insieme a Flc CGIL, UIL Scuola Rua, SNALS Confsal e Anp un importante accordo con l’Amministrazione in tema di valutazione dei dirigenti scolastici. Secondo il testo sottoscritto dai Sindacati e dall’Amministrazione, anche per questo anno scolastico la valutazione dei dirigenti non avrà alcun effetto sulla retribuzione di risultato che, pertanto, rimarrà agganciata alle fasce. L’Accordo è però andato oltre, prevedendo che la compilazione del portfolio e la partecipazione alla valutazione sia rimessa alla scelta dei dirigenti stessi. I dirigenti potranno perciò autonomamente decidere se partecipare alla valutazione o non prendervi parte. Coloro che decideranno di non prendere parte alla procedura, non potranno in alcun modo essere destinatari di valutazione, né di prima né di seconda istanza. 
Questo importante risultato è stato possibile sia perché il contingente ispettivo deve essere necessariamente rafforzato, sia perché l’Amministrazione ha esplicitamente riconosciuto la necessità di una significativa revisione del procedimento di valutazione, revisione che sarà oggetto di confronto non appena verrà siglato il CCNL di Area.
L’Accordo costituisce un importante passo in avanti, è l’effetto di quanto previsto nell’ipotesi di CCNL ed apre la prospettiva di una profonda revisione di tutto il procedimento di valutazione.
Vi sono infatti molti aspetti che si sono rivelati critici, dalla composizione dei nuclei alle modalità di svolgimento della visita, dalla struttura del portfolio alla necessità di maggiore trasparenza, dalle modalità di individuazione degli obiettivi assegnati ai dirigenti sino alla necessità di tenere in opportuna considerazione le condizioni di contesto nelle quali operano.